Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 13 aprile 2021 (704) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Visita gratuita ai luoghi di San Riccardo Pampuri
» Un sabato al Museo per la Storia dell'Università
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» Lo sguardo di Maria
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
» Leonardo e la Via Francigena a Pavia
» Tracce
» Una chiesa-museo tra Rinascimento e Barocco
» A tu per tu con l’antico Egitto
» Loggetta Sforzesca
» Kosmos - nuovo polo museale dell'Università di Pavia
» A tu per tu con Atleti e Veneri
» 117 Visite Guidate al Museo della Certosa di Pavia
» Dai fondi oro ai leonardeschi
» Andiamo in cripta

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» Torna a Pavia il Mercatino del Ri-Uso
» Visita gratuita ai luoghi di San Riccardo Pampuri
» Un sabato al Museo per la Storia dell'Università
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Natale in museo per bambini
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Lo sguardo di Maria
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 2960 del 28 aprile 2005 (3768) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Sabato con... Alessandro Volta
Sabato con... Alessandro Volta

Proseguono gli appuntamenti di "Sabato con...", visite guidate organizzate dalla cooperativa Progetti di Pavia, con il patrocinio del settore Cultura del Comune di Pavia, e dedicate a personaggi illustri che hanno lasciato una traccia significativa nella storia della città.

L'itinerario di sabato prossimo avrà per protagonista Alessandro Volta.

Nato a Como il 18 febbraio del 1745, rampollo di una famiglia aristocratica fortemente legata all'ambiente ecclesiastico, Alessandro viene educato in famiglia e si narra che nell'infanzia fosse considerato ritardato poiché incomincia a parlare scioltamente solo all'età di sette anni.
A 13 anni entra alla scuola dei Gesuiti e quindi frequenta il seminario. Ci sono tutte le premesse perché anche lui venga avviato al sacerdozio...

In realtà Alessandro fin dall'infanzia mostra grande interesse per le scienze naturali e, svolti i suoi compiti di scolaro irrequieto e ribelle, occupa il resto del tempo in esperimenti scientifici. Non ancora 18enne, ha letto le opere dei più importanti scienziati dell'epoca con i quali intrattiene presto rapporti epistolari da pari.

Sebbene la sua opera scientifica si svolga, almeno all'inizio in sede privata, al di fuori di strutture accademiche la sua fama di eccezionale sperimentatore si afferma ben presto; Volta viene accolto come socio in tutte le principali Società ed Accademie Scientifiche e nel 1778 viene chiamato all'Università di Pavia ad occupare cattedra di fisica sperimentale. La notorietà raggiunta lo colloca in quel gruppo di personalità di "chiara fama" che il governo di Vienna vuole a Pavia per rilanciare l'Università.

Nella nostra città Volta rimane per circa un trentennio, testimone di un'epoca, a cavallo tra i due secoli, densa di repentini e numerosi rivolgimenti politici, rispetto ai quali lo scienziato cerca sempre di mantenere una posizione neutrale, maggiormente interessato al proprio lavoro.
All'inizio del XIX secolo ormai anziano vorrebbe andare in pensione ma Napoleone, che nutre per lui un'immensa ammirazione, gli consente solo di limitare i propri impegni accademici a pochi mesi all'anno, ritenendo che i grandi ingegni non debbano mai ritirarsi ma servire da esempio vivente per le nuove generazioni. Volta riuscirà ad allontanarsi dalla vita pubblica solo nel 1818.
Muore a Como nel 1827.

La passeggiata sulle tracce di Volta si snoderà lungo l'antica contrada dell'Acqua, oggi via Volta, dove il fisico soggiornò, per giungere a Palazzo Brambilla in Strada Nuova che pure fu sua residenza e all'elegante Aula universitaria a lui dedicata.

 
 Informazioni 
Dove: ritrovo in Piazza del Municipio - Pavia
Quando: sabato 30 aprile, ore 16.00
Partecipazione: 4,00 euro, non è necessaria la prenotazione

Per informazioni:
Progetti soc. coop. - Tel.: 0382/530150
 

Alessandra Viola

Pavia, 28/04/2005 (2960)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool