Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 19 agosto 2019 (487) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Lucio Dalla - Caro Amico Ti Scrivo…
» "Buccy"
» Ciao Franco!
» Addio Giorgio
» Concerto del trio FolKlezmer
» Concerto per ricordare
» Addio a Claudio... con lo spettacolo nel cuore
» Fiocchi d'Oliva in musica
» Addio Johnny Sax
» Beatles 40 anni di Love Me Do

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
» Festival di Gypsy
» Up-to-Penice
» Note d'acqua
» Swing and Jazz
» River Love Festival
» Concerto di pianoforte
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Sacher Quartet, In viaggio con i Cetra
» Un capolavoro ritrovato
» Sentieri selvaggi, musica d'oggi al Borromeo
» Festival di Musica Sacra
» Open Day al Vittadini
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 301 del 11 ottobre 2002 (4642) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
In ricordo di Augusto Daolio
In ricordo di Augusto Daolio

Dieci anni fa, il 7 di Ottobre, veniva a mancare Augusto Daolio, indimenticabile leader dei Nomadi. In questi 10 anni l'artista è stato, nonostante la scomparsa fisica, sempre presente nella vita musicale italiana e la sua popolarità non è stata minimamente intaccata, anzi al contrario, è largamente cresciuta. Si potrebbe definire Augusto Daolio come il John Lennon italiano. Un'artista vero, che amava la musica e il pubblico fino in fondo: non si è mai sottratto alla gente, amava stare con le persone e non mancava mai di lasciare disegni, sorrisi e qualche frase a chi lo andava a trovare ai concerti. Oggi i Nomadi sono ancora una solida realtà, merito anche di Beppe Carletti, il fondatore del gruppo, che è riuscito ad aggregare intorno al progetto Nomadi tanti giovani (un impegno premiato con il primo posto in classifica raggiunto dal recente CD "Amore che prendi, amore che dai").

I Nomadi

Da dieci anni, nel mese di febbraio, a Novellara (provincia di Reggio Emilia), sua città natale, si tiene il "Tributo ad Augusto", che vede ogni anno la partecipazione di noti artisti della musica italiana, ma anche di emergenti, che attraverso la propria musica intendono onorare Augusto.

Ad Augusto sono stati dedicati parchi, strade e piazze in tutta Italia, oltre a vari concorsi musicali, tra cui, il più significativo quello per giovani cantautori promosso dal Nomadi fans club "Un giorno insieme" di Sulmona, presieduto da Vincenzo Bisestile.

In Italia si celebrano i 40 anni dei Beatles, ogni anno viene ricordata (giustamente) la morte di Lucio Battisti, ma sempre più spesso ci si dimentica degli altri grandi come Rino Gaetano, Fabrizio De Andrè (si anche lui), Ivan Graziani e Augusto Daolio.

I Nomadi

Augusto Daolio è nato a Novellara (RE) il 18 febbraio 1947, come ebbe a scrivere lui:"...nel cuore della notte, mentre freddo e brina duellavano con rami secchi di pioppi e tigli". A sedici anni iniziò la sua avventura musicale con il complesso dei Nomadi, attività che fu per lui, fino agli ultimi momenti della sua vita, essenziale e per la quale il suo impegno fu totale. L'attività musicale di Augusto e del suo complesso ha segnato un'epoca e per tanti giovani degli anni Sessanta e Settanta le loro canzoni furono una bandiera; non solo perché denunciavano il grande disagio di una gioventù che viveva il malessere di una società in crisi di identità, ma anche perché contestavano l'impostazione di un costume religioso che si reggeva sull'ipocrisia e il perbenismo. Anche se quei giovani ormai sono diventati padri, quelle canzoni continuano a vivere nei loro cuori e l'amore per queste è stato trasmesso ai loro figli.

I Nomadi di oggi cercano di continuare il lavoro di Augusto (per quello che possono): l'unico membro originale rimasto è Beppe Carletti e anche se l'ombra di Augusto è sempre lì sul palco con loro ... non è più la stessa cosa.

Il fascino, la voce, il temperamento, l'onestà intellettuale e la generosità musicale erano (e restano) qualità rare.

Augusto è stato musicista, pittore, scrittore e uomo di grandi qualità.

Ricordiamolo così.

 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 11/10/2002 (301)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool