Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 22 ottobre 2020 (168) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Il Mio Film. III edizione
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Nel nome del Dio Web
» Incontro al Caffè Teatro
» Carnevale al Museo della Storia
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» La Principessa Capriccio
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» Francesca Dego in concerto
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Gran Consiglio (Mussolini)
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Christian Meyer Show
» La Storia organaria di Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 3258 del 18 luglio 2005 (2147) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Recital dei Cantosociale
Recital dei Cantosociale

Dopo numerose repliche un po' in tutta Italia, approda a Gambolò lo spettacolo dei Cantosociale, gruppo per metà lomellino, dedicato al 60mo anniversario della Liberazione.

Lo spettacolo 'Ci Chiaman briganti e traditori, ma siam ribelli per la libertà' prende spunti dalle diverse storie partigiane raccolte da testimonianze dirette e da racconti scritti e si sviluppa attraverso canti e musiche a quello ispirati.

Un 'lavoro' appositamente preparato per il 60mo anniversario della Liberazione dell’Italia dal nazifascismo e dedicato non solo alle bande partigiane che combatterono in montagna ma anche a chi ha avuto il coraggio di opporsi con ogni mezzo e in pianura li ha supportati spesso rendendosi protagonista di numerosi gesti di coraggio e disobbedienza civile contro le truppe tedesche e le brigate nere fasciste.
A supportare le storie ci saranno brevi ma intense letture di poesie e brani letterari (Neruda, Calvino, Fortini, Vigano...) fatte dal giovane poeta vigevanese Luca Ariano, da alcuni anni collaboratore del gruppo e che recentemente ha pubblicato un apprezzato libro 'Bitume D’intorno' che conteniene anche alcune poesie dedicate a importanti personalità della Resistenza del nostro territorio come il vigevanese Paolo'Danton' Donati scomparso l’anno scorso.

La colonna sonora e portante di tutto lo spettacolo è costituita ovviamente dai canti e dalle canzoni, accanto agli storici classici del repertorio della resistenza da cantare insieme al pubblico come Bella Ciao, Fischia il vento, La badoglieide, Marciam marciam, Dai monti di Sarzana, Pietà l’è morta, Dalle belle città, Ma mì...ci sono gli ormai classici del repertorio dei Cantosociale , strofe e melodie che per l’occasione hanno riferimenti specifici, frutto di ricerche sviluppate negli anni anche grazie all’aiuto di importanti storici oralisti come Marco Savini e M. Antonietta Arrigoni.

E’ il caso di Canevino sulla strenua ultima battaglia combattuta sul colle Ortaiolo nell’Oltrepò Pavese dai resti delle brigate matteottine e vinta sconfiggendo oltre 250 tra soldati della Wermachts e delle Brigate Nere con il comandante Fusco tra i protagonisti e di Pozzol Groppo sulla strage efferata di giovanissimi partigiani della brigata Cornaggia, del loro comandante Carlo Covini, del dottor Lucio Martinelli e di una crocerossina Anna Mascherini da parte dai sanguinari elementi della Sicherheits, la polizia repubblichina, avvenuta nel paesino situato sul crinale della Val Staffora e della Val Curone.

A completare lo spettacolo anche alcune interessanti nuove composizioni dei Cantosociale, quelle strumentali che accompagnano i versi del Canto dei deportati e il racconto delle truppe italiane abbandonate a Cefalonia e in particolare la canzone Dòn cuntra la guèra, racconto appassionato dei primi scioperi nel 1918 contro la guerra, fatto dalle operaie tessili lomelline, il testo è basato su una ricostruzione storica delle cronache giornalistiche dell’epoca.

 
 Informazioni 
Quando: sabato 23 luglio, ore 21.30
Dove: Piazza Mazzini, Gambolò

 

Comunicato Stampa

Pavia, 18/07/2005 (3258)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool