Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 18 gennaio 2021 (426) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Una Cesa, Un Pivion e Dü Malnat
» I me murus
» Mei perdla che truvola
» Mi sun de chi
» Poker del Vernaulin a Borgarello
» “Teresina e l’eroe di famiglia”
» “Anima Broni - Lasarat torna nel suo Teatro”
» Locandiera, bellezza bronese
» Pignaseca e Pignaverda
» “Tut a Bron!” a vedere “Tut pr’una statua”
» Guarda in su… che al borla su!
» Tut a Bron!
» Vera vuz: prosa in dialetto al Tess
» Pensa ladar che tucc i roban
» “Ti ricordi quella sera di vent’anni fa..."
» Rassegna lomellina con GT San Martino
» San me un coran… e malà me al rud
» San Giuàn fa vèd l'ingàn - Amedeo dei Mille eroe per caso
» Troviamoci a teatro… 2012

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Mio Film. III edizione
» Incontro al Caffè Teatro
» Nel nome del Dio Web
» La Principessa Capriccio
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» Gran Consiglio (Mussolini)
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Corpi in gioco
» Guglielmo Tell
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Petit Cabaret 1924
» La Tempesta
» Crossroads 2019 - Il Cinema dei percorsi di fede
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 3821 del 27 gennaio 2006 (2265) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Dialetti da tutta la provincia!
Dialetti da tutta la provincia!

Si nasce con un dialetto in bocca, che non dimenticherai mai. Le lingue che impari puoi anche scordarle, il dialetto, invece, ti rimane dentro, come il ricordo della tua terra , come segno indelebile delle tue origini.

Queste le parole di mia zia, emigrata in un altro continente da quasi un trentennio, che, nel tempo, ha "perso" l'italiano, ma che parla in dialetto come se non si fosse mai allontanata da casa...

Il dialetto è cultura così come il teatro legato al territorio; lo sa bene l'Assessorato alla Promozione delle Attività Culturali della Provincia di Pavia, che da qualche anno si fa promotore di una seguitissima manifestazione: il Festival Provinciale del Teatro Dialettale, giunto alla sua quarta edizione.

Nel cartellone 2006 sono presenti un po' tutti i dialetti della provincia di Pavia - spiega l'assessore Virginio Anselmi - con dodici spettacoli che da febbraio a marzo altrettante Compagnie metteranno in scena al Teatro dell'Oratorio di Broni.
Il crescente interesse verso questo importante appuntamento - continua l'Assessore - ha suscitato l'idea di sviluppare un progetto più ampio che permetterebbe di portare, a partire dal prossimo anno, il festival in tre località della provincia in modo da raggiungere tutto il pubblico lomellino, pavese e dell'Oltrepò, che ci segue con immutata simpatia e passione.

Tra i progetti dell'Assessorato, ce n'è uno ancor più ambizioso, quello di organizzare una sorta di Circuito Teatrale Minore atto al rilancio di tutte quelle realtà locali (corali, bandi, compagnie teatrali) che con i loro spettacoli spesso non hanno la visibilità che meritano.

Ad inaugurare, il prossimo 4 febbraio il Festival Provinciale del Teatro Dialettale, lo spettacolo "I strolug ad Caiar" della Compagnia Vox Populi di Pieve del Cairo.

Le nostre commedie - racconta la responsabile (e autrice) della compagnia Elisabetta Lucca - hanno sempre un'ambientazione tardo rinascimentale e si ispirano ad un fatto storico del paese sul quale, poi, costruiamo la trama.
Mi sono sempre chiesta come mai gli abitanti di Cairo sono chiamati strolug , mi sono documentata ed ho scoperto la triste storia di Eurosia, giovane popolana, che si era innamorata del capo degli armigeri della famiglia Isimbaldi. Ciò suscitò l'invidia di una nobildonna che per gelosia accusò la ragazza di stregoneria che per questo venne poi arsa viva.
Il vero significato del termine dialettale strolug definisce "una persona originale nell'abbagliamento" a ricordo di quelle colorate e ampie gonnellone che vestivano le gitane che parlavano di astrologia.
Così ho scritto questa commedia che narra le vicende di due popolane, madre e figlia, che si improvvisano astrologhe e che ne combinano di ogni...

A distanza di un mese, il 4 marzo, in cartellone il divertente spettacolo della Compagnia Teatrale Borlotti Burloni di Gambolò con la commedia "Che surpresa al dì d'la festa" scritta da Flavio Colombo.
Le nostre storie - racconta lo stesso Colombo - spesso sono ambientate in campagna e raccontano le vicende di una tipica famiglia patriarcale degli anni '40 e '60.
E' così anche per "Che surpresa al dì d'la festa" , che si sviluppa intorno alla famiglia Borlotti, composta da padre madre e un figlio scapolo, proprietaria di una tenuta in Gambolò che organizza una rimpatriata invitando a pranzo, il giorno della festa patronale, i fratelli e la sorella, che da anni, non vivono più in cascina
...

 
 Informazioni 
Quando: dal 4 febbraio al 18 marzo
Dove: Teatro De Tommasi, Via Montebello 26 - Broni (PV)

Infotel:
0385/52184: 0382/597415

 

Valeria Hotellier

Pavia, 27/01/2006 (3821)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool