Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 25 maggio 2020 (929) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Fabrizio Poggi & Chicken Mambo: Spaghetti Juke Joint
» Macadam: Latitudine incrociate
» Nat Soul Band: Not so bad
» Ho sbagliato secolo
» Far Out
» Blues, Blues e ancora Blues
» Shag’s Airport
» Accordiamoci
» Il leone nell’Arena
» Francesco Garolfi: Un posto nel mondo
» Alberto Tava: il nuovo disco Mediterraneo
» Il matrimonio che vorrei: da oggi a Pavia
» Reality: ma quando ANCHE a Pavia?
» Magic Mike: quando è lui a spogliarsi...
» Il rosso e il blu: scuola italiana...
» Giorgia, che sorpresa!
» I Beach Boys in Italia: c’ero anch’io!
» Wanna Be Startin’ Somethin’. Thriller rivisitato
» Il ritorno dell'uomo armonica
» Un disco tutto pavese per Woody Guthrie

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 4111 del 6 aprile 2006 (2266) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Franco Cellario - Pezzisparsi
Franco Cellario - Pezzisparsi
Vi ho già parlato di questo “storico” chitarrista pavese quando, con la figlia Elisa, si è cimentato nel rivisitare il vasto repertorio delle colonne sonore di Ennio Morricone dal 1964 (Per un Pugno di Dollari) al 2000 (Canone Inverso).
 
Un lungo lavoro che ha visto Franco Cellario protagonista assoluto (Chitarra, Banjo, Fischio, Ocarina, arrangiamenti e programmazione Midi, voce), affiancato dalla figlia Elisa alla voce. Con suo ingiustificato cruccio, il modo di suonare di Hank Marvin (leader dei disciolti Shadows) gli è rimasto appiccicato nel DNA e per liberarsi di questa “ombra” (shadow=ombra, scusate il giochino di parole) e dimostrare il suo allargato ventaglio di interessi e competenze, nei primi mesi del 2006 incide un CD, Pezzisparsi, in cui (lo dice il titolo stesso) affronta un repertorio estremamente variegato che va da Mediterranean Sundance (Al Di Meola) a Let It Be Me di Gilbert Becaud, da Imagine a Granada, da Danny Boy a Maria Elena, da Peter Gun (Duane Eddy) a G’ho un dulùr (di Paolo Zanocco) rivelandosi anche un ottimo interprete vocale.
 
Franco, per puro diletto e soddisfazione personale, ogni tanto incide questi CD (questo, in effetti, è il terzo dopo quello su Morricone e un precedente in cui rivisitava soprattutto brani degli Shadows) in cui è protagonista assoluto, sovraincidendo tutte le parti musicali e vocali, con risultati sorprendenti.
Se vi interessa, forse, potete rivolgervi direttamente a lui.
 
Un “vecchio leone” (Franco mi perdoni l’espressione) che intende ruggire ancora a lungo.
 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 06/04/2006 (4111)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool