Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 20 ottobre 2020 (939) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Il Mio Film. III edizione
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Nel nome del Dio Web
» Carnevale al Museo della Storia
» Incontro al Caffè Teatro
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» La Principessa Capriccio
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» Francesca Dego in concerto
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Gran Consiglio (Mussolini)
» Christian Meyer Show
» Corpi in gioco

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 4150 del 19 aprile 2006 (2208) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Voci resistenti
Voci resistenti
Dopo il buon successo di “Ci chiaman briganti e traditori, ma siamo ribelli per la libertà”   rappresentato in numerose piazze italiane durante il 2005 in ricordo del sessantesimo anniversario Liberazione, i Cantosociale nel 2006 presentano Voci Resistenti spettacolo di canti musiche e storie legate tra loro dall’esigenza di testimoniare diverse esperienze di resistenza al nazifascismo.
 
Un percorso che attraverso storie e pensieri riportano al clima sociale opprimente della dittatura e agli aneliti di libertà e di giustizia rappresentati attraverso canti sociali di protesta, canzoni appositamente scritte dal gruppo, e intensi monologhi “costruiti” su testimonianze e ricordi raccolti negli anni e recentemente editate anche in un libro dal titolo omonimo realizzato dall’Amministrazione Comunale e, la Biblioteca Comunale di Cilavegna “R. Rampi” con la fattiva collaborazione dell’associazione culturale cassolese Alambrado.
 
Si tratta di racconti e testimonianze dei diretti protagonisti, tratte dalle registrazioni raccolte nell’Archivio di Storia Orale e Popolare “Fiorella Scaglioli”, recentemente costituitosi in seno all’associazione medesima e a cui collaborano attivamente i musicisti dei Cantosociale. Molte sono le “ voci “ raccolte provenienti da Cassolnovo e da Cilavegna , da parte di chi è stato testimone diretto e indiretto di quei momenti fondamentali per la Storia e per la Democrazia del nostro Paese. Alcuni saranno presenti anche sul palco a fianco dei musicisti rendendo più che mai vivo il ricordo, le riflessioni e in definitiva la festa della Liberazione. 
 
Uno spettacolo quindi per ricordare e per non ripetere gli errori del passato, uno spettacolo anche per far festa per la libertà riconquistata e per la fine dell’incubo della guerra, delle violenze e ricordando la gioia dei giorni della liberazione di 61 anni fa, largo ai balli! Quelli antichi più popolari: polche, manfrine, valzer, gighe, mazurche…che si uniscono alle musiche originali di gusto contemporaneo con atmosfere vibranti dal sapore folk-rock. 
 
Molte sono anche le canzoni originali che il gruppo ha composto negli anni e che hanno costituito la colonna sonora dei numerosi spettacoli realizzati sulla Resistenza.
Da “Canevino”, sulla strenua battaglia combattuta sul colle Ortaiolo nell’Oltrepò Pavese dai resti delle brigate matteottine e vinta sconfiggendo oltre 250 tra soldati della Wermachts e delle Brigate Nere a “Pozzol Groppo” sulla strage efferata di giovanissimi partigiani della brigata Cornaggia, ad opera dei repubblichini sanguinari della Sicherheits, avvenuta nella scuola del piccolo centro pavese sul crinale della Val Staffora e della Val Curone, senza dimenticare “Zagròs Cefalonia” sulle ultime ore delle truppe italiane fucilate dai nazisti nell’omonima isola greca e il grido corale rabbioso e al contempo disperato delle scioperanti che chiedono la pace in “Don cuntra la guéra”. Altri canti dell’epoca,di lavoro, di risaia e filanda arricchiscono di significato le diverse testimonianze mettendo ancora una volta in risalto gli arrangiamenti originali particolarmente ritmici, comunque rispettosi della matrice popolare ed acustica.
 
Un lavoro quello del gruppo non solo di rivalutazione di un repertorio dimenticato ma anche di vera e propria “ricostruzione” di antichi canti realizzata rivestendo testi di cui non è pervenuta la musica.

 
 Informazioni 
Ecco le date in Provincia di Pavia, tutte con ingresso libero:
21 Aprile: Vigevano, Piazza Ducale ore 21.30
24 Aprile: Cilavegna, Sala AUSER ore 21.00
26 Aprile: Cassolnovo, Scuole Medie ore 10.00

Per ulteriori informazioni:
www.cantosociale.it

 

Comunicato Stampa

Pavia, 19/04/2006 (4150)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool