Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 4 giugno 2020 (1301) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Fabrizio Poggi & Chicken Mambo: Spaghetti Juke Joint
» Macadam: Latitudine incrociate
» Nat Soul Band: Not so bad
» Ho sbagliato secolo
» Far Out
» Blues, Blues e ancora Blues
» Shag’s Airport
» Accordiamoci
» Il leone nell’Arena
» Francesco Garolfi: Un posto nel mondo
» Alberto Tava: il nuovo disco Mediterraneo
» Il matrimonio che vorrei: da oggi a Pavia
» Reality: ma quando ANCHE a Pavia?
» Magic Mike: quando è lui a spogliarsi...
» Il rosso e il blu: scuola italiana...
» I Beach Boys in Italia: c’ero anch’io!
» Giorgia, che sorpresa!
» Il ritorno dell'uomo armonica
» Wanna Be Startin’ Somethin’. Thriller rivisitato
» Un disco tutto pavese per Woody Guthrie

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 422 del 27 novembre 2000 (1934) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
U2 - All That You Can't Leave Behind
U2 - All That You Can't Leave Behind

Era qualche anno che non comperavo più gli album degli U2! Mi divertivano i video, sì; li trovavo delle perfette macchine da spettacolo, ma la loro musica non mi toccava più "dentro"; erano diventati faraginosi e capziosi, inutilmente barocchi nelle loro mega-costruzioni sonore che finivano con l'assomigliare sempre più al "muro del suono" del vecchio Phil Spector. L'anima, l'avevano chiusa in un cassetto.

Un'avvisaglia di un possibile ritorno alle origini si era già avuta con l'album della colonna sonora The Million Dollar Hotel e l'uscita del singolo Beautiful Day aveva confermato le intenzioni; quando ho messo nel lettore il nuovo CD All That You Can't Leave Behind un grido spontaneo mi è scaturito dalla mente: Bentornati U2!

Tutto, dalla grafica di copertina alla produzione (Brian Eno e David Lanois) rimanda ad album come The Unforgettable Fire e The Joshua Tree della metà degli anni '80. Intendiamoci, non è che gli U2, non avendo più nulla da dire, hanno fatto un passo indietro; semplicemente dopo l'abbuffata di sperimentazioni e colossal narcisistici con musiche che risultavano asservite alla spettacolarità degli immensi shows che portavano in giro per il mondo, sono tornati a scrivere canzoni. E che canzoni! Brani come Stuck In A Moment You Can't Get Out Of, Kite o In A Little While si commentano da sole. Tutto l'album, però, è un piccolo gioiello di concretezza rock con ballate in cui la voce di Bono torna ad esprimersi al meglio nel suo lirismo innato. La chitarra di The Edge ritorna cristallina e lucida nelle sue espressioni e il cuore, il feeling, dal cassetto in cui era stato rinchiuso è schizzato fuori, pompando energia e "buone vibrazioni".

Ho già ascoltato l'album tre volte e non mi stanco di farlo. Mi sembra di aver ritrovato dei vecchi amici che erano "stati via" per tanto tempo. Bentornati U2!

 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 27/11/2000 (422)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool