Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 23 ottobre 2018 (744) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Il Morbo di Violetta: Carlo Forlanini e la prima vittoria sulla tubercolosi
» All you need is rock
» "Batticuore", la mostra di Antonio Pronostico
» Elliott Erwitt. Icons
» Maugeri In Arte. Mostra di Vittorio Valente
» Il colore del silenzio
» We are here - Caroline Gavazzi
» Roberto Kusterle: Cronache da un altro mondo
» Vox Animae
» Incatenarsi all'oro e al vento
» Italiani, al voto!
» La Fratelli Toso: i vetri storici dal 1930 al 1980
» Incontri d’Arte: Tomoko Nagao
» Francesca Moscheni: I segni di Dio
» In questa perennità di giovani
» Exist
» Una Storia Militante
» Incontri d’Arte
» Mostra d'arte leggera e inconsapevole
» Cantami o diva - donne del mito greco

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il rischio di educare
» Il Morbo di Violetta: Carlo Forlanini e la prima vittoria sulla tubercolosi
» Tra il vento e la neve Storie di prigionieri italiani nella Grande Guerra Pavia
» Gek Tessaro e il suo Pinocchio
» "Batticuore", la mostra di Antonio Pronostico
» Uno Stradivari al Castello Visconteo di Pavia
» Elliott Erwitt. Icons
» I manoscritti datati
» La Giustizia del Buonsenso
» Ma com'eri vestita?
» Come la Luna dal cannocchiale
» Maugeri In Arte. Mostra di Vittorio Valente
» Marcello Venturi. Seminario di studi
» Il Patrimonio ritrovato: pergamena scoperta in una legatura seicentesca
» Il Segreto di Majorana
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 4287 del 23 maggio 2006 (1754) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
E.P.P. Vol. 2
E.P.P. Vol. 2
Dopo il successo della prima tappa di E.P.P. presso la sede Artsinergy di Bologna, prosegue il viaggio della mostra curata da Gianluca Marziani. Tornano i cinque artisti con alcune novità nella selezione dei quadri.
 
Fedele al principio di muovere alcune mostre nelle singole sedi del proprio circuito - questa volta l’esposizione si terrà presso la  Galleria Gamma di Pavia -, Artsinergy presenta così il Volume Due del progetto Eterno Presente Primordiale.
 
Eterno… come il valore universale dell’immagine pittorica.

Presente… secondo l’identikit di un’attualità necessaria.

Primordiale… perché solo la memoria edifica la coscienza del presente.
 
Una proposta oltre le tematiche, oltre le comunanze formali, oltre le realtà geografiche, oltre i vincoli anagrafici… Un percorso dove l’immagine contemporanea diversifica le sue filiazioni e contaminazioni… Una mostra che lascia parlare la pura qualità degli immaginari e dei mondi che ogni artista evoca…
 
Angelo Bellobono, Marco Colazzo, Franco Giordano, Giorgio Lupattelli e Matia i protagonisti.

Cinque artisti che vivono e lavorano in Italia. Appartengono alle vicende figurative che hanno traghettato gli anni Novanta verso il presente.
Le loro storie creative sono cresciute con qualità interiore e giusta pazienza, talento visivo e linearità dei contenuti.
Hanno molto da dimostrare ma hanno già mostrato il loro sguardo in una carriera (finora) calibrata e coerente.
 
Angelo Bellobono
La pittura che congela idealmente i corpi per indagarne i processi interiori. Lo sguardo dell'artista ruota attorno alla chimica, centro dell'universo con cui si regolano i processi vitali. L'inquadratura si concentra sul volto, sulle posture, sugli occhi che sembrano immersi nel ghiaccio emozionale. Emergono segni ed altri interventi pittorici che costituiscono il profilo interiore dei protagonisti, la loro condizione reale ma anche subliminale. Un flusso umano attorno alla chimica che costituisce il visibile e l'invisibile del reale. Ma anche un viaggio dove si disvelano emozioni, fisicità, vie spirituali. Storie nascoste in cui artificiale e naturale si mescolano sotto la pelle del quotidiano.

Marco Colazzo
I processi linguistici della pittura, mescolati ad un'analisi sulle identità della figura, sono una costante nel lavoro di Colazzo. La cultura dell'astrazione gestuale, per capirci, invade i fondali e crea intrecci di varia specie. Sopra vi si staglia il frammento improvviso e destabilizzante: ieri alcuni dettagli corporei (una bocca, un naso, un orecchio...), oggi una serie di corpi inanimati (pupazzi, marionette, bambole…) che usano il contrasto stilistico per emergere dalla liquidità colante dei fondi. Una pittura di solido impatto per riflettere sugli archetipi del linguaggio e, parallelamente, su come quest'ultimo sia lo specchio di vicende soggettive che appartengono allo spirito del proprio tempo.

Franco Giordano
Le immagini giungono dalle fotografie che scatta l'artista, un diario privato per scandire gli eventi attraverso frammenti di significativa normalità. Da quelle foto nasce l'elaborazione digitale che determinerà, attraverso la divisione in isole cromatiche, la struttura da dipingere. Il risultato offre la scansione emotiva del racconto pittorico, completando la visione su un quotidiano che diventa archetipo di una contemporaneità reale ma anche interiore. Una pittura piatta che l'artista sta portando avanti da svariati anni, confermando la coerenza di un linguaggio sempre più universale, denso di contenuti ed emozioni sotto la sua pelle sintetica.

Giorgio Lupattelli
Il mondo come gigantesco contenitore di spunti, prelievi e combinazioni. Per Lupattelli il materiale utile arriva dal cinema, dalla tv, dai giornali, dal web e da ogni piattaforma che proponga fatti, eventi, situazioni. Per diversi anni l'autore ha selezionato e unito elementi che avevano nuovo senso nel montaggio soggettivo. Di recente si sta concentrando sul dettaglio degli elementi reali, andando nell'interno del corpo, dentro un motore meccanico, dentro strutture che hanno una loro vitalità organizzata. Un dipingere che affonda nell'invisibile delle cose visibili, dentro le dinamiche morali della vita. Un nuovo umanesimo tra tecnologia e qualità dei processi elaborativi.

Matia
In passato creavano piccoli set che diventavano lo scenario dei loro quadri. Oggi ricostruiscono le immagini iniziali attraverso la grafica digitale ma il processo non cambia: si stampa l'opera su tela per poi intervenire pittoricamente con modalità mimetiche, al perfetto confine tra sensualità manuale e tensione elettronica. Entrare nel Matialand significa varcare la soglia di luoghi misteriosi, al confine tra passato romantico e fantascienza evoluta. Non a caso i quadri nascono da una campionatura sistematica di luoghi e situazioni anche molto diversi ma con un obiettivo comune: evocare mondi mentali tramite emozioni, ricordi ancestrali, richiami letterari e filmici, memorie artistiche...

 
 Informazioni 
Dove: via F. Cossa, 26 - Pavia
Quando: da sabato 27 maggio (inaugurazione ore 18.00) al 30 giugno 2006
Orari della galleria: su appuntamento
Per informazioni:
Tel.: 0382/35852
 
 
Pavia, 23/05/2006 (4287)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool