Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 28 maggio 2020 (983) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Fabrizio Poggi & Chicken Mambo: Spaghetti Juke Joint
» Macadam: Latitudine incrociate
» Nat Soul Band: Not so bad
» Ho sbagliato secolo
» Far Out
» Blues, Blues e ancora Blues
» Shag’s Airport
» Accordiamoci
» Il leone nell’Arena
» Francesco Garolfi: Un posto nel mondo
» Alberto Tava: il nuovo disco Mediterraneo
» Il matrimonio che vorrei: da oggi a Pavia
» Reality: ma quando ANCHE a Pavia?
» Il rosso e il blu: scuola italiana...
» Magic Mike: quando è lui a spogliarsi...
» I Beach Boys in Italia: c’ero anch’io!
» Giorgia, che sorpresa!
» Il ritorno dell'uomo armonica
» Wanna Be Startin’ Somethin’. Thriller rivisitato
» Un disco tutto pavese per Woody Guthrie

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 4294 del 24 maggio 2006 (2777) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Rude Mood: Falling rock
Rude Mood: Falling rock
Vi ho parlato più volte dei pavesi Rude Mood; li avevo definiti “rugginosi”, riferendomi al suono sporco e arrabbiato che sviluppavano nell’interpretare il roots-blues che caratterizza il loro repertorio.
 
Oggi potrei definirli dei “salmoni del blues” per il loro modo di risalire la mainstream ed inoltrarsi sempre più nelle radici nere di questa musica; ma sono dei “pesci” giovani, comunque, e la loro è un’interpretazione personale e moderna del blues delle origini, infarcito di rock irruente e passionale che deve gran parte della sua caratterizzazione al suono ferroso della chitarra metallica di Paolo Terlingo (autore della maggior parte dei brani), al roccioso incedere del basso del “Basna” (Davide Busnelli), al kaos materico di quella “macchina da guerra” di William Moroni (batterista) e all’aggiunta delle armoniche di Andrea “Slim” Sacchi, quest’ultimo presente ormai come nuovo membro stabile della formazione.
 
Come ospiti, in questo nuovo Rude Mood II: falling rock, edito ancora una volta dalla UltraSound, sono presenti anche Luigi Scuri, Marco Prestini e Avo.
Il lungo Uptight (oltre 10 minuti di brano), con il Fender Rodhes in bella evidenza, rappresenta il momento emblematico dell’evoluzione di questo gruppo.
 
61 part II, rappresenta un “forse-inconscio” omaggio ai Pink Floyd di Meddle.

Echi di Rolling (periodo Exile on Main Street), ombre di Hendrix mischiate a frammenti di dialogo rubati alla privacy della sala d’incisione, la voce “muddy” di Terlingo ammantata da riverberi lontani fanno di questo nuovo disco un piccolo gioiellino di vanto pavese, di rivalsa sul mondo: “anche noi sappiamo fare del blues credibile”.

 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 24/05/2006 (4294)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool