Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 31 ottobre 2020 (195) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Il Mio Film. III edizione
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Carnevale al Museo della Storia
» Nel nome del Dio Web
» Incontro al Caffè Teatro
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» La Principessa Capriccio
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» Francesca Dego in concerto
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Gran Consiglio (Mussolini)
» Christian Meyer Show
» Corpi in gioco

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 4381 del 19 giugno 2006 (2054) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Un concerto del 'dutur'
Un concerto del 'dutur'
C’era una volta… un medico con la passione per la musica, per la poesia, per il dialetto e la buona cucina.
Aveva cominciato a scrivere “strofette” in dialetto pavese e le offriva ai propri pazienti sotto forma di segnalibro augurali. Da lì alla pubblicazione di un libro vero e proprio, il passo non fu lungo.
 
Ma al buon dottore tutto ciò non bastava: la sua passione per la musica gli rodeva dentro come un boccone mal digerito.
Così, arrivato ai fatidici 50 anni, prende una decisione: “basta, per il mio compleanno faccio una grande festa, metto in musica le mie poesie e le canto su un palco”.
 
Facile a dirsi, ma non così a farsi. Come capita a quasi tutti quelli che arrivano a superare la soglia dei 50, i propositi della Festa lasciano spazio ad una sorta di abulico rimandare. Però il “nostro” non demorde e, con l’aiuto di qualche amico, si mette ad incidere un CD con le sue canzoni.
Rinfrancato da questa nuova iniziativa, riprende in mano il progetto “palco” e chiama a raccolta amici musicisti volonterosi.
 
Tra prove e “merendoni” notturni il progetto prende forma e, incredibilmente, il concerto si terrà veramente…. Appuntamento giovedì sera a Villa Botta Adorno, per il concerto - recital G’Ho un Dulùr”, promosso dal comune do Torre d’Isola.
 
Protagonisti della serata Al Dutùr e i so Amìs.
 
Il medico in questione è Paolo Zanocco e gli amici sono Franco Cellario (chitarra), Giovanni Magenes (Basso), Turi Calogero (chitarra), Mamo Loati (tastiere) e Furio Sollazzi (batteria. Ebbene sì, ha coinvolto anche me).
 
Ospiti a sorpresa (io li so, ma non ve li dico; se no, che sorpresa è?) e sorpresa anche per il concerto.
Che si profili un nuovo “astro” nel firmamento della musica dialettale pavese?
Se anche non sarà così, ci saremo comunque divertiti.
Siete tutti invitati.
 
 
 Informazioni 
Dove: cortile della Villa Botta-Adorno - Torre d'Isola
Quando: giovedì 22 giugno 2006, ore 21.30
 

Furio Sollazzi

Pavia, 19/06/2006 (4381)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool