Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 3 giugno 2020 (1036) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Fabrizio Poggi & Chicken Mambo: Spaghetti Juke Joint
» Macadam: Latitudine incrociate
» Nat Soul Band: Not so bad
» Ho sbagliato secolo
» Far Out
» Shag’s Airport
» Blues, Blues e ancora Blues
» Accordiamoci
» Il leone nell’Arena
» Francesco Garolfi: Un posto nel mondo
» Alberto Tava: il nuovo disco Mediterraneo
» Il matrimonio che vorrei: da oggi a Pavia
» Reality: ma quando ANCHE a Pavia?
» Il rosso e il blu: scuola italiana...
» Magic Mike: quando è lui a spogliarsi...
» I Beach Boys in Italia: c’ero anch’io!
» Giorgia, che sorpresa!
» Wanna Be Startin’ Somethin’. Thriller rivisitato
» Il ritorno dell'uomo armonica
» Un disco tutto pavese per Woody Guthrie

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 4399 del 21 giugno 2006 (3202) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Nothing New - Back to...
La copertina del cd
Dopo più di un anno di attesa, finalmente vede la luce, il nuovo cd dei Back To The Beatles.
MiaPavia, sempre attenta alle realtà locali, si è offerta come produttore dell’album in un simbolico gesto di sostegno alla musica pavese di qualità. Edito dalla UltraSound, il cd è stato presentato al Beatles Day nazionale di Brescia.
 
All’incisione dell’album hanno partecipato Turi Calogero, Aldo Tagliaferri, Paolo Buccelli e Furio Sollazzi. Presenti, come ospiti) Alex Frapolli (tastiere), Giovanni Lanfranchi (violino), Jacopo Bigi (violino e viola), Marta Fornasari (cello), Cristian ex-Special Blend (Sitar), Maurizio “Gnola” Glielmo (Dobro), Massimo Paganin (Tromba e “Trombino”), Andres Villani (Flauto e Sax), Stefano Cattaneo (Fisarmonica) Beppe Tiranzoni (Mellotron e Hammond), Francesco “Frank” Nora (chitarra e pianoforte campionato, Hammond e Vibrafono), Emilio Conca: (chitarra in Strawberry Fields Forever).
 
Il cd (il secondo in studio, dopo Rubber Songs e quello Live con l'orchestra) porta il titolo di Nothing New. Chiaramente, essendo io uno dei titolari del gruppo, non posso certo farvene una recensione; mi limiterò quindi a farne una presentazione, illustrandone i brani.
Questa la scaletta dell’album Nothing New:
 
1 - Hello Little Girl (Fast) [Lennon-McCartney]
Brano composto nel 1962, venne inciso poi dai Fourmost. La versione Fast parte con un inizio di Sitar e sfocia in una chitarra distorta e un arrangiamento che ricorda un po’ le prime cose degli Oasis, con finale con archi e assoli di chitarra “reverse”, rumori ed effetti.

2 - In My Life [Lennon-McCartney]
Una delle tre versioni acustiche contenute nelll’album. Si tratta di arrangiamenti studiati durante i concerti Unplugged tenuti dai Back qualche anno fa. In questo caso, oltre al minimalismo acustico, caratterizza il brano un inizio “a capella”.

3 - Step Inside Love [Lennon-McCartney]
Scritta da Paul nel 1967 per Cilla Black, qui ne viene data una versione più misteriosa e meno leziosa, con uso di sezione fiati.

4 - Goodbye [Lennon-McCartney]
Scritta nel 1968 per Mary Hopkins, ha richiesto non pochi sforzi (e non so quanto riusciti) per essere deviata da canzonetta melensa a brano quasi psyc con inizio di mellotron. 

5 - Crazy In Heaven
È il primo dei brani scritti dai Back. Dedicato all’amico Marco Pazzi, scomparso in quel periodo, il brano sta tra If I Fell e una canzone alla Dylan 1966. Hammond in primo piano e assolo di chitarra copiato integralmente da quello che Marco aveva eseguito durante le prove di una prima versione del brano, nel 1979, per un concerto-suite. Il titolo vuole essere un giocoso “limerik” (come piacevano a Lennon”) su Pazzi in Paradiso. 

6 - Someday [McCartney]
Questa è una canzone di Paul McCartney tratta dall’album Flaming Pie del 1997. La prima volta che l’abbiamo ascoltata, abbiamo detto “Ma perché l’ha fatta lenta? E’ un perfetto brano beat”. E così l’abbiamo trasformata, con tanto di 12 corde.

7 - Dream
Secondo brano composto dai Back. Ballata lenta, acustica, con quartetto d’archi, tromba e flauto.

8 - Wanna Be
Ancora un brano-Back. Composta nel 1976, è stata ripescata negli archivi della memoria e arrangiata come doveva essere: un perfetto esempio di primo-beat anni ’60, con finti appaluysi a simulare un Live.

9 - Hello Little Girl (Slow)
Versione lenta del primo brano. Questa volta cambia il lead-vocalist (Paolo al posto di Turi) e le atmosfere si ispirano più all’ultimo Lennon di Double Fantasy.

10 - If I Needed Someone [Lennon-McCartney]
Un altro di quei brani arrangiati per essere eseguiti unplugged: il tempo, nell’inciso, è stato sostituito con un terzinato.

11 - Old Town Boy
Altra composizione Back. In stile country-blues, vede l’apporto di Gnola al dobro slide, nella ricerca di sonorità harrisoniane. Il testo parla di un sempliciotto di campagna che finisce con il far fuori la madre per essere lasciato nel suo brodo.

12 - Ticket To Ride [Lennon-McCartney]
L’ultima delle tre versioni unplugged. Rallentato, il brano si richiama ad atmosfere Vanilla Fudge, Mama’s and Papa’s e Carpenters.

13 - Just For You
Ultimo brano di composizione Back. Qui i rimandi sono chiaramente ai suoni e alle atmosfere di Pet Sounds dei Beach Boys.

14 - Strawberry Fields Forever [Lennon-McCartney] (bonus live track)
Era uno scarto delle registrazioni effettuate durante il BeatleSconcerto tenuto al Teatro Fraschini di Pavia nel Settembre del 1996. E’ stata rielaborata in stile psichedelico al computer.

15 - Nothing New (speech)
È un parlato, costruito usando una segreteria telefonica messa a disposizione da uno dei 10CC.
 
Se avete la pazienza di aspettare 20 secondi (circa) troverete una Ghost Track: Out of Head medley [Lennon-McCartney].
Sono io l’unico responsabile del delirio (voci, chitarre, batterie, campionamenti) con cui mi sono divertito a raggruppare in una unica suite tutta una serie di brani (Peace of Mind, You Know My Name, Number 9, What a Shame Mary Jane, If You Got Troubles, Yellow Submarine, A Hard Day's Night, She Loves You, Goodbye) che, singolarmente, erano improponibili (anche così lo sono; ma almeno si prendono con ironia) .
 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 21/06/2006 (4399)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool