Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 23 gennaio 2021 (367) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Il Santuario della Bozzola e la sua Sagra
» Il Modello del Duomo
» Il Castello di Zavattarello
» Peter Pan
» Trappola per topi
» San Valentino
» La Madonna di Piazza Grande
» Il Regisole
» Palazzo Mezzabarba
» Villa Botta Adorno
» Una giornata nel Parco Visconteo
» Economisti e badesse
» Il Duomo di Vigevano
» Avventure di un castello
» La torre Belcredi
» Il Palazzo Belcredi
» Il Castello Visconteo

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» Torna a Pavia il Mercatino del Ri-Uso
» Visita gratuita ai luoghi di San Riccardo Pampuri
» Un sabato al Museo per la Storia dell'Universit√†
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Natale in museo per bambini
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» Lo sguardo di Maria
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 446 del 2 agosto 2000 (3762) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Castello di Scaldasole
 Castello di Scaldasole

Il Castello di Scaldasole, il cui nucleo originale fu probabilmente eretto tra il X ed il XII secolo, è una delle fortificazioni più suggestive ed imponenti non solo della provincia di Pavia, ma di tutta la regione Lombardia.

Appartenne alla nobile famiglia pavese dei Campeggi, feudatari del luogo per lungo tempo. L'investitura del feudo passo successivamente, prima solo in parte poi in totalmente, ai Folperti (nella persona di Ardengo, alto dignitario visconteo) che, nel 1404, ottennero dai Visconti la facoltà di ampliare il maniero costruendo il ricetto, cui assegnarono la funzione di piazza d'arme e di rifugio popolare, e riservando il castello a loro dimora signorile. Un edificio che, all'inizio del XV secolo, risultava "magnifico, tutto fiancheggiato da profondi fossati e guarnito di merli...".

Nel 1430 Filippo Maria Visconti tolse però il castello a Folperti che, col titolo di "maestro delle entrate ducali", era caduto in disgrazia sotto l'accusa di tradimento. Alla revoca della condanna il feudo tornò nelle mani dei Folperti fino al 1456, anno in cui passò al conte Franceso Pico della Mirandola che lo concesse in dote alla figlia Taddea sposa, nel 1465, di Giacomo Malaspina.

Il periodo in cui il borgo ed il suo castello furono sotto i Malaspina fu quello di massimo splendore: la fortezza venne abbellita da un portico con loggiato di stile bramantesco e furono aperte le finestre e la corte ospitò molti personaggi illustri da Isabella d'Aragona, promessa sposa del duca di Milano Gian Galeazzo Sforza, all'imperatore Massimiliano I d'Asburgo. Successivamente le mura del castello videro il passaggio di Carlo V, nel 1533 e, nel XIX secolo, del ministro Conte Camillo Benso di Cavour.

Il maniero divenne proprietà del cardinale Tolomeo Gallio di Como nella prima metà del '500. Per sua volontà vennero costruiti la cappella e il bellissimo giardino, a testimonianza del quale ancora oggi rimangono due magnolie. Alla metà del '700 il maniero fu venduto, dagli eredi del cardinale, alla nobile famiglia degli Strada che ne è tuttora proprietaria.

Il Castello di Scaldasole ripropone oggi l'impianto tipico delle fortificazioni viscontee, con cortile centrale rettangolare - con al centro un magnifico pozzo in laterizio - merlatura esterna, torri angolari, fossato e barbacane con il ponte levatoio.

All'interno si possono ammirare la cucina, il salotto, la sala da pranzo, la Camera degli orologi, la "Sala maiore", la "Camera longa", dedicata alle riunioni di consiglio del feudatario-podestà dove si legge il motto di casa Malaspina "Mala spina bonis, bona spina malis", la biblioteca con volumi di storia pavese e lombarda ed un ritratto femminile opera di Francesco Hayez, e la Camera Turchina, ospitante il Museo archeologico.

 
 Informazioni 
 

Sara Pezzati

Pavia, 02/08/2000 (446)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool