Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 24 novembre 2017 (427) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Retorbido
» Sartirana Lomellina
» Breme
» Bereguardo
» Lomello
» Chignolo Po
» Torrazza Coste
» Montescano
» Montù Beccaria
» Canneto Pavese
» Santa Giuletta
» Santa Maria della Versa
» Castana
» Rovescala
» Pietra de' Giorgi
» Canevino
» Stradella

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Torre in Festa
» A tu per tu con l'astrario
» Trekking Urbano: sulle tracce dei longobardi
» Visita "a distanza ravvicinata"....
» Torre in Festa
» Giornata della castagna
» Castello Beccaria e Palazzo Malaspina Pedemonti
» Arriva la FAImarathon a Varzi
» Lebici, Pavia su due ruote Festival
» Cammini religiosi e culturali: gli Stati Generali a Pavia
» Vigevano Medieval Comics
» Gran Ballo di Ferragosto
» Festa Medievale a Brallo di Pregola
» Pomeriggio al museo
» Volto di Volta
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 4504 del 18 luglio 2006 (3244) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Zavattarello
Zavattarello
Tra le colline dell’Oltrepò, a dominare la Val Tidone dai suoi 530 metri circa di altitudine, c’è il comune di Zavattarello, che qualche tempo fa è entrato a pieno titolo a far parte della schiera dei “Borghi più belli d’Italia”.
 
Paese ricco di fascino sia dal punto di vista ambientale sia storico, le cui vicende ruotano più che altro attorno al castello, Zavattarello veniva citato in un documento del 972 con cui Ottone II lo assegnava in feudo al Monastero di Bobbio, cui restò legato fino alla metà del XI secolo. Per lungo tempo fu oggetto di contese fra i casati di Pavia e Piacenza, poi il secondo ebbe la meglio.
Tra il 1250 e il 1300 intorno al maniero, che mai venne espugnato, iniziò a sorgere il borgo mentre il feudo passava alla piacentina famiglia Landi, cui i Visconti, unitamente ai Beccaria, proposero un’alleanza atta a sopraffare Voghera, Broni e altri centri del territorio circostante.
Dai Landi, per reato di fellonia (compiuto da chi veniva meno al giuramento di assoluta obbedienza e fedeltà nel rapporto feudale di vassallaggio) compiuto da Ubertino, il castello passò al casato dei Dal Verme, che, salvo brevi periodi in cui cadde nelle mani di Gian Galeazzo Sanseverino e Bernardino Della Corte, favorito di Ludovico il Moro, lo tenne fino al 1975, anno in cui passò al Comune.
 
Altra curiosità legata al castello, più leggendaria che storica, è la presenza fra le sue mura del x secolo del fantasma del giovane Pietro Dal Verme che, qui avvelenato dalla moglie, avrebbe deciso di rimanere a “soggiornare” nell'ultima stanza della torre...
 
Una gita a Zavattarello però non deve limitarsi alla visita dell’imponente maniero. Oltre al suggestivo panorama sulle alture circostanti, alle case in pietra del centro e alle caratteristiche vie del borgo, in parte ancora cintato dalle antiche mura difensive, meritano attenzione l'oratorio di San Rocco di antica fondazione, situato al centro del paese, e la chiesa parrocchiale d’epoca romanica intitolata a San Paolo.
 
Nei pressi del paesino oltrepadano, ubicato a una cinquantina di chilometri dal capoluogo, si trova la località Cascina Mirani, dove ha sede il museo di arte e cultura agricola “Magazzino dei ricordi”, che spesso propone giornate con visite guidate e laboratori a tema sulle tradizioni rurali della zona.
 
A chi ama le feste di paese, va poi segnalata la ricorrente “Fiera di Zavattarello”,  che ogni anno, nella terza domenica di luglio, offre un mercatino di prodotti tipici e artigianali nel borgo antico, visite guidate al castello e tante iniziative rivolte ad animare la giornata di turisti ed abitanti della zona.
 
 Informazioni 
 

La Redazione

Pavia, 18/07/2006 (4504)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool