Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 15 agosto 2020 (906) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Da Pavia a Capo Nord - 5^ tappa lungo il Reno
» Da Pavia a Capo Nord - Dal S. Gottardo alla C3
» Da Pavia a Capo Nord - 1^tappa
» Il castello delle fiabe
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - VI ed ultima parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - V parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - III parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - II parte
» Grecia in barca a vela: terza parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - I parte
» Isole Ioniche: parte Est
» Isole ioniche: parte ovest
» Isole ioniche: parte sud
» Isole ioniche: parte nord
» Raid in bici: Loreo-Venezia
» Raid in bici: Mantova-Stellata
» Raid in bici: Cremona-Mantova
» Raid in bici: Pavia-Cremona
» Raid in bicicletta Pavia-Venezia
» L'isola che non c'è: Trinidad

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» Torna a Pavia il Mercatino del Ri-Uso
» Visita gratuita ai luoghi di San Riccardo Pampuri
» Un sabato al Museo per la Storia dell'Universit√†
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Natale in museo per bambini
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» Lo sguardo di Maria
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 456 del 7 settembre 2001 (4232) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Raid in bici: Stellata - Loreo
La Possente Rocca di Stellata

Tappa da 107 Km. Abbiamo pernottato e siamo ripartiti sulla sponda destra del Po al confine di tre province: Rovigo, Ferrara e Mantova; il paesino si trova in territorio di Ferrara e da qui siamo entrati nel Polesine, vicino al delta del Po...

E' il quarto mattino che ci vede inforcare le bici e ripartire. Ormai tutti i preparativi sono automatici e il pensiero è concentrato solo sul percorso e le curiosità da vedere. Per la prima volta siamo passati, anche se solo per mangiare e pernottare, sulla sponda orografica destra del Fiume, in luogo di confine, da tempo immemore fra tre regioni: Lombardia con la provincia di Mantova, Veneto con la provincia di Rovigo ed Emilia Romagna con quella di Ferrara...

Poteva mancare una postazione fortificata messa a guardia dell'avamposto? Certamente no ed infatti veniamo a sapere che esiste una fortezza poco fuori l'abitato di Stellata dal nome che è tutto un programma: la Possente Rocca. Vi arriviamo, ovviamente pedalando e in effetti, a parte le piccole dimensioni, le mura promettono di rimanere erette ancora per chissà quanti secoli, onorando il suo nome.

Soddisfatta la nostra curiosità riattraversiamo il Po sul lungo ponte e ci riportiamo sulla sponda sinistra per abbandonarla subito onde evitare una lunghissima ansa che ci avrebbe allungato eccessivamente il percorso. Passiamo paesini come Ficarolo, Trento, Argine Valle, Fiesso, Viezze lungo stradine secondarie di tutta tranquillità per arrivare a Polesella, dove ci ricolleghiamo al Grande Fiume.

Risaliti sull'argine la posizione elevata e il tratto appena percorso ci convincono che quanti asseriscono che la pianura è sempre tutta uguale e monotona, sicuramente non l'hanno mai percorsa in bici: troppo veloci le automobili e i treni per assaporare le differenze che si scoprono con calma passando davanti a noi i chilometri. E mano a mano che ci avviciniamo al Delta la terra cambia colore, piena com'è di sabbia e di conseguenza anche le coltivazioni sono diverse, e anche l'aria prende un odore diverso avvicinandosi il mare.

Albergo a Loreo

Un'altro fatto ci ha colpiti, anche se è una cosa ovvia: ogni sera, arrivando nell'albergo prescelto, parlando con le persone addette, le abbiamo sentite esprimersi con inflessioni dialettali sempre diverse e con sempre meno punti in comune con il nostro, compreso il ritmo della parlata. Cerchiamo di imitarle ma il risultato è veramente buffo e non ci resta che riderne.

Le dimensioni del Fiume sono impressionanti e ci tornano alla mente le immagini delle inondazioni che periodicamente queste terre e queste popolazioni devono subire. La quantità d'acqua deve essere immane per uscire dalle pur ampie sponde! Eppure ricominciano sempre daccapo, con una ammirevole costanza e amore per la loro terra.

Vediamo, dalla parte opposta a noi, dove si stacca il ramo denominato Po di Goro, il più meridionale dei rami che formano il Delta. E infine, dopo Contarina, eccoci finalmente a Loreo, tappa d'arrivo di oggi.

Il posto dove sorge l'albergo, gradevolmente somigliante ad un angolo di Venezia rigorosamente in stile, merita una foto. Ed è bellissimo chiudere la giornata cenando con gli amici Letizia e Massimo, compagni di escursioni in montagna che hanno da oggi traslocato definitivamente da Pavia a Padova e, finita la fatica, non hanno esitato a raggiungerci per passare la serata, ovviamente a base di pesce e chiacchierate.

 
 Informazioni 
Articoli correlati:
Raid in bici: Pavia-Venezia
1^ tappa del Raid in bici: Pavia-Cremona
2^ tappa del Raid in bici: Cremona-Mantova
3^ tappa del Raid in bici: Mantova-Stellata
5^ tappa del Raid in bici: Loreo-Venezia
 

Ruggero Cattaneo

Pavia, 07/09/2001 (456)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool