Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoled√¨, 12 agosto 2020 (844) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Da Pavia a Capo Nord - 5^ tappa lungo il Reno
» Da Pavia a Capo Nord - Dal S. Gottardo alla C3
» Da Pavia a Capo Nord - 1^tappa
» Il castello delle fiabe
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - VI ed ultima parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - V parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - III parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - II parte
» Grecia in barca a vela: terza parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - I parte
» Isole Ioniche: parte Est
» Isole ioniche: parte ovest
» Isole ioniche: parte sud
» Isole ioniche: parte nord
» Raid in bici: Stellata - Loreo
» Raid in bici: Mantova-Stellata
» Raid in bici: Cremona-Mantova
» Raid in bici: Pavia-Cremona
» Raid in bicicletta Pavia-Venezia
» L'isola che non c'è: Trinidad

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» Torna a Pavia il Mercatino del Ri-Uso
» Visita gratuita ai luoghi di San Riccardo Pampuri
» Un sabato al Museo per la Storia dell'Universit√†
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Natale in museo per bambini
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» Lo sguardo di Maria
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 457 del 28 settembre 2001 (4182) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Raid in bici: Loreo-Venezia
Chioggia

Tappa da 56 chilometri. Il percorso raggiunge la provincia di Rovigo, in Veneto, si assapora già l'aria di Venezia, la nostra ultima meta...

Ultimo giorno oggi, la meta è vicina e sono combattuto da un sentimento di tristezza per la prossima fine del viaggio e, all'opposto, da una sensazione di felicità per avercela fatta. Comunque si parte con un cielo color latticino che non è il massimo.

In queste campagne mi colpiscono gli enormi campi coltivati a radicchio, il trevigiano, che la fa da padrone fra le verdure del posto. Lungo il canale che costeggiamo compare all'improvviso un palazzo in perfetto stile veneziano, che effetto vederlo qui in mezzo alle campagne, e non lungo le calle della città!

Arriviamo ora all'Adige che risaliamo per un tratto in cerca di un ponte su cui valicarlo. Certo, dopo le dimensioni del Po, sembra un largo canale e poi c'è un bel vento contrario che ci obbliga ad appiattirci sul manubrio per fendere l'aria.

Alberto, Osvaldo e Ruggero

A Cavanella d'Adige imbocchiamo una stradina parallela alla ben più trafficata Romea, ricca di storia ma anche di veicoli... ci guardiamo bene dal percorrerla. E, più avanti, ci inoltriamo fra le foci dell'Adige e quelle del Brenta perché oggi Osvaldo ha una "visita parenti" da effettuare. Un suo cugino abita qui e non vuole perdere l'occasione di salutarlo, assecondato volentieri da me ed Alberto che curiosiamo tra i microscopici paesini della zona. E superiamo anche il Brenta, da cui puntiamo decisamente verso Chioggia.

L'ingresso nella cittadina è al rallentatore, è giorno di mercato, che è enorme, lungo praticamente un paio di chilometri e riempie di suoni e colori quella che, tra una bancarella e l'altra, indoviniamo come una città interessantissima.

Sosta d'obbligo in pasticceria per un assaggio delle golosità del posto, caldamente consigliate da Osvaldo, vero intenditore. Raggiungiamo l'imbarco per il traghetto e approfitto dell'attesa, piuttosto lunga, per lasciare i miei compagni e gironzolare tra le calle di Chioggia, macchina fotografica in azione, non mancano sicuramente gli spunti.

Una nebbia quasi padana limita di molto la visuale, ma è comunque divertente il tragitto con il battello fino a Pellestrina, dove, inforcate le bici, sfoghiamo le gambe, ormai abituate a lunghe pedalate, costeggiando le Murate. Salendo sul lunghissimo molo la vista spazia verso il mare aperto, aggiungendo nuovi paesaggi a quelli da noi visti nei giorni passati. Altro traghetto che ci scarica ad Alberoni da cui ripartiamo verso il Lido.

Venezia dal traghetto

Cominciano a vedersi le architetture tipiche e alcuni angoli sono veramente carini, rivelando la signorilità del luogo. Arriviamo in una piazza affacciata sulla Laguna ed è laggiù Venezia: è stato bellissimo arrivarci in questo modo e siamo contenti di averlo fatto insieme, veramente un'ottima esperienza con compagni di viaggio interessanti.

Ci facciamo fotografare con lo sfondo della città da una volonterosa ragazza, che fa le acrobazie per inquadrarci alla perfezione. Infine l'ultimo traghetto ci porta a lambire piazza S. Marco, mostrandocela come da una balconata privilegiata e poi l'ingresso di Canal Grande e le cento chiese e palazzi bellissimi che ingioiellano la città sfilano davanti ai nostri occhi lasciando un'incantevole ricordo.

L'arrivo, dopo breve pedalata, in piazzale Roma mette la parola fine a questa meravigliosa avventura, da ripetere verso altre mete, con lo stesso impagabile mezzo.

E grazie ancora ad Osvaldo per la soluzione del furgone, che relax avere chi guida per noi al ritorno!

 
 Informazioni 
Articoli correlati:
Raid in bici: Pavia-Venezia
1^ tappa del Raid in bici: Pavia-Cremona
2^ tappa del Raid in bici: Cremona-Mantova
3^ tappa del Raid in bici: Mantova-Stellata
4^ tappa del Raid in bici: Stellata-Loreo
 

Miriam Paola Agili

Pavia, 28/09/2001 (457)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool