Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoled√¨, 12 agosto 2020 (852) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Da Pavia a Capo Nord - 5^ tappa lungo il Reno
» Da Pavia a Capo Nord - Dal S. Gottardo alla C3
» Da Pavia a Capo Nord - 1^tappa
» Il castello delle fiabe
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - VI ed ultima parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - V parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - III parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - II parte
» Grecia in barca a vela: terza parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - I parte
» Isole Ioniche: parte Est
» Isole ioniche: parte ovest
» Isole ioniche: parte sud
» Isole ioniche: parte nord
» Raid in bici: Loreo-Venezia
» Raid in bici: Stellata - Loreo
» Raid in bici: Mantova-Stellata
» Raid in bici: Cremona-Mantova
» Raid in bici: Pavia-Cremona
» Raid in bicicletta Pavia-Venezia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» Torna a Pavia il Mercatino del Ri-Uso
» Visita gratuita ai luoghi di San Riccardo Pampuri
» Un sabato al Museo per la Storia dell'Universit√†
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Natale in museo per bambini
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» Lo sguardo di Maria
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 458 del 1 giugno 2001 (2921) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
L'isola che non c'è: Trinidad
Calle Piro Guinart

Riprendiamo il nostro viaggio in quel di Cuba...

Trinidad - Se avete poco tempo, non perdetevi questa città, ne vale veramente la pena. Andare a Trinidad, è come fare un viaggio nel tempo. Dietro alle "rejas" (le grate messe a protezione delle ampie finestre) case coloniali del XVI secolo, per le strade auto degli anni '40 e '50, sulle facce delle persone espressioni di sentimenti contrastanti, in bilico tra rassegnazione, impotenza e incancellabile voglia di futuro. Il suo aspetto coloniale si è mantenuto abbastanza integro, e grazie ai soldi dell'Unesco è anche ordinata e ristrutturata quasi interamente.

Noi abbiamo dormito da Yolanda: una vera casa coloniale arredata anche con vecchi mobili dell'epoca, ma quasi ogni abitante qui è autorizzato ad affittare camere, c'è solo l'imbarazzo della scelta.

La casa di Lidia Hernandez Sandoval non è niente di straordinario, ma lei, la figlia e il genero (cuoco) sono simpatici. Se le regalate qualcosa per il trucco (ombretti, mascara o creme) vedrete una donna felice, a noi aveva chiesto una pinzetta per le sopracciglia, ma non l'avevamo...Il paladar in cui abbiamo mangiato meglio durante il nostro viaggio è qui a Trinidad, dietro la chiesa della Plaza Mayor e si chiama Estrella offre ottimo pesce, servito in un bel giardino.

Da assaggiare, magari come aperitivo, c'è il cocktail locale "canchàchara" (c'è anche un bar carino che si chiama così) a base di rum e miele. Alla sera c'è sempre vita soprattutto alla Casa de Trova (Calle Echerri 29), dove i gruppi locali suonano musica cubana e chi vuole può ballare.

Non perdetevi il paesaggio che si gode dalla torre del Museo Històrico Municipal (Calle Bolivar 423). Si paga per entrare, ed ha degli orari ridotti, ma si arriva a vedere il mare e la valle degli zuccherifici (Ingenios).

Santiago de Cuba - Se decidete di arrivare fino all'antica capitale dell'isola, vi consigliamo vivamente di fermarvi a dormire da Juan Marti Vazquez. E' una persona speciale. La sua casa è pulita, accogliente tranquilla, qualità non da poco a Cuba!! Lui e il suo amico medico sono ottimi cuochi e chiacchierare con loro è un piacere.

Un consiglio portate con voi qualche medicinale classico (tipo Aspirina, Tachipirina analgesici o antistaminici) in più, e regalateli a Juan, ne ha bisogno per curare la mamma e a Cuba Trovare medicine di qualsiasi tipo è molto difficile.

Baracoa - Se vi spingete fino all'estremo est di Cuba, troverete questo angolo di paradiso, sembra di stare a Tahiti. La vegetazione è rigogliosissima, il mare fantastico, pochissimi turisti. Qui lo standard delle sistemazioni è molto basso, fate attenzione a dove dormite.

Varadero - Vale la pena riposarsi qualche giorno qui, noi abbiamo scelto l'Hotel Pullman, il meno caro. Qui non ci sono case particular.

Se non c'è vento è una delle spiagge migliori, anche se turistica, ma alla fine, si è così stanchi che anche il ritorno alla civiltà non dispiace. Certo questa non è la vera Cuba...

 
 Informazioni 

Trinidad:
Yolanda - Calle Pico Guinart 227 - Tel. (0419)3051
Casa di Lidia Hernandez Sandoval - Calle Simon Bolivar 422 - Tel. (0419)30074330

Santiago de Cuba:
Juan Marti Vazquez - Calle Padre Pico 614 entre Princesa y San Fernando - Te.(0226) 20101
E-mail: fabian@ecsi.ciges.inf.cu, ma non è il suo, perciò se volete contattarlo mettete nel riferimento il suo nome, sarà più facile.

Baracoa:
Segnor Andrès Abella Fernandez - Maceo 56 entre Coliseo Y Peralejo - Tel.(021) 43298)

Camaguey:
Juanita - San ramon 201 Apto 205 entre Santa Rita y Heredia - Tel. (0322) 293624)

 

Alessandro e Simona Morelli

Pavia, 01/06/2001 (458)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool