Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 15 agosto 2020 (915) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Da Pavia a Capo Nord - 5^ tappa lungo il Reno
» Da Pavia a Capo Nord - Dal S. Gottardo alla C3
» Da Pavia a Capo Nord - 1^tappa
» Il castello delle fiabe
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - VI ed ultima parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - V parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - III parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - II parte
» Grecia in barca a vela: terza parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - I parte
» Isole Ioniche: parte Est
» Isole ioniche: parte ovest
» Isole ioniche: parte sud
» Isole ioniche: parte nord
» Raid in bici: Loreo-Venezia
» Raid in bici: Stellata - Loreo
» Raid in bici: Mantova-Stellata
» Raid in bici: Cremona-Mantova
» Raid in bici: Pavia-Cremona
» Raid in bicicletta Pavia-Venezia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» Torna a Pavia il Mercatino del Ri-Uso
» Visita gratuita ai luoghi di San Riccardo Pampuri
» Un sabato al Museo per la Storia dell'Universit√†
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Natale in museo per bambini
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» Lo sguardo di Maria
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 459 del 25 maggio 2001 (4002) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
L'isola che non c'è: Havana
Plaza de la Cathedral

Al rientro, ogni viaggio diventa un mito e Cuba resterà nei nostri ricordi l'isola che non c'è. Dimenticate tutto: le foto delle spiagge assolate, dei grandi alberghi con ogni comfort, delle bellissime ragazze che si offrono ai turisti, noi abbiamo cercato altro... Il nostro è stato un viaggio nella Cuba non turistica.

Abbiamo dormito a casa dei cubani, mangiato alla loro tavola, discusso insieme del loro paese e dei loro problemi, condiviso disagi e imposizioni ed abbiamo scoperto che non è solo il paradiso caraibico che le agenzie di viaggio ci mostrano, ma un paese diverso, che ha accettato il suo destino, cercando di mantenere il suo spirito allegro e vivace, affinando la nobile e onnipresente arte del saper sopravvivere, sperando che qualcosa, prima o poi, cambi ... in meglio.

Prendete questi consigli come una lettura, spero piacevole, ma pur sempre una lettura. Tutti i pareri espressi qui, in effetti sono assolutamente soggettivi e quindi passibili di feroci critiche.

Il nostro modo di viaggiare è assolutamente "fai-da-te-no-Alpitour", lo definiremmo spartano, indipendente e passionale. Quello che ci ha mosso nei nostri tre viaggi in America Latina, è sempre stata la ricerca del contatto con le persone e con una cultura diversa dalla nostra, cercando di capire i comportamenti, le abitudini e le tradizioni di popolazioni con una storia diversa da quella europea. Ma non giudicare è difficile, adattarsi, soprattutto a Cuba, è complicato.

Tutto è più complicato a Cuba, ma quasi nulla impossibile.

Cominciamo... Date queste premesse, viaggiare con l'aiuto della Lonely Planet crediamo sia indispensabile, abbiate l'accortezza però di comprarne una aggiornata, non come noi che ne avevamo una troppo vecchia!!!

L'isola che non c'è: prima parte

La Havana - Se arrivate di sera non vi farà una bella impressione, a noi sembrava una città bombardata, ma alla luce del sole tutto cambia. E' come un animale ferito, sfregiato ma ancora vivo e di una bellezza nostalgica e un po' triste. Se solo non ci fosse l'embargo, o se solo non ci fosse Castro (dipende dalle tendenze politiche), come potrebbe risorgere Havana!

Plaza de la Cathedral è il luogo più caratteristico della città. Durante il giorno si possono ascoltare gruppi locali che suonano le canzoni tipiche cubane ed al tramonto, la piazza, ha un aspetto quasi magico.

Se volete affittare una macchina, i prezzi migliori sono alla Micar (Calle Infante al Vedado, l'ufficio è all'interno del Burgui, un fast food). Noi abbiamo fatto 3.000 Km con una Fiat Uno bianca (nuova), a cui abbiamo distrutto le sospensioni.

Munitevi di una buona cartina stradale, con indicate anche le stazioni di servizio, perché sono spesso molto distanti tra loro e servono da punto di riferimento, i cartelli, anche sull'autopista sono veramente scarsi. Fate un'assicurazione che copra tutti, ma proprio tutti i rischi. Sarà cara, ma le strade sono spesso ridotte a gruviera, non sono segnalate curve pericolose, buche, tratti improvvisamente sterrati, passaggi ferroviari incustoditi (tutti), cambi di direzioni e deviazioni, inoltre circolano, anche sull'autostrada pedoni, ciclisti, risciò, carri trainati da cavalli o buoi, mezzi meccanici (non si potrebbe definirli diversamente) degli anni '40 e '50, trattori cinesi o russi che viaggiano a ½ Km all'ora e altro ancora.

Anche la possibilità di viaggiare in pullman Viazulnon è da scartare, sono molto comodi ma con l'aria condizionata al massimo, perciò copritevi! Esiste un sito internet che fornisce itinerari e prezzi (non bassi).

Diffidate di zii, cugini, cognati con una stanza in più per i turisti, andate solo nelle case autorizzate (hanno una A rossa o blu sulla porta), aiuterete comunque la popolazione cubana che sta cercando di sviluppare questa forma di autonomia , che lo Stato non appoggia, schiacciandola con una tassa esosa di 200 USD al mese, che ci siano, oppure no, turisti ad occupare le stanze (un normale stipendio è pari a circa 6 dollari al mese)...

 
 Informazioni 
Hostal Valencia - è una bomboniera, 8 camere affacciate su un cortile coloniale, coperto d'edera.
Tel. 537/671037, Bisogna prenotare.
E-mail: hostales@hvhc.ohch.cu

Hotel Florida - è un antico palazzo coloniale, caro, ma per una notte può andare.

Hostal Los Frailes - in una zona in ristrutturazione di Havana Vieja , sembra un convento.
Calle Teniente Rey entre Oficios y Mercandes
Tel.: 629383 o 629510.

Case particular ( 20/25/30 USD a notte per stanza)

Noemi Moreno Fuentes - non fornisce asciugamani, come altre case particular, ma non tutte.
Calle Cuba 611 Apt. N. 2 entre Luz y Santa Clara,
Tel.: 623809

Casa Blanca di Jorge Luis Duany - Jorge ha creato un circuito di case particular, in comunicazione tra loro ed in quasi tutte le località dell'isola. Rivolgendovi a lui, avrete una lista aggiornata con gli indirizzi e vi potrà trovare una sistemazione praticamente sempre, anche se non sempre accettabile.
web: www.caspar.net/casa/

 

Alessandro e Simona Morelli

Pavia, 25/05/2001 (459)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool