Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 15 agosto 2020 (895) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Da Pavia a Capo Nord - 5^ tappa lungo il Reno
» Da Pavia a Capo Nord - Dal S. Gottardo alla C3
» Da Pavia a Capo Nord - 1^tappa
» Il castello delle fiabe
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - VI ed ultima parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - V parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - III parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - II parte
» Grecia in barca a vela: terza parte
» Isole Ioniche: parte Est
» Isole ioniche: parte ovest
» Isole ioniche: parte sud
» Isole ioniche: parte nord
» Raid in bici: Loreo-Venezia
» Raid in bici: Stellata - Loreo
» Raid in bici: Mantova-Stellata
» Raid in bici: Cremona-Mantova
» Raid in bici: Pavia-Cremona
» Raid in bicicletta Pavia-Venezia
» L'isola che non c'è: Trinidad

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» Torna a Pavia il Mercatino del Ri-Uso
» Visita gratuita ai luoghi di San Riccardo Pampuri
» Un sabato al Museo per la Storia dell'Universit√†
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Natale in museo per bambini
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Lo sguardo di Maria
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 460 del 25 marzo 2002 (4004) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Sentiero Roma e monte Disgrazia - I parte
Salendo con la pioggia

Piove! Lo sapevo, l'inizio di questa avventura è in salita e non solo in senso metaforico.

I gradoni in granito (scusate lo scioglilingua) della bassa Val Codera, dopo la salita su asfalto da Novate Mezzola dove siamo arrivati in treno da Pavia, a muscoli quasi freddi, fanno tirar fuori tutto il fiato e l'energia di cui disponiamo.

Il primo a farne le spese è Silvano che suda copiosamente e si attarda frequentemente per bere. In effetti per ripararsi dalla pioggia con giacche e mantelle, va a finire che sotto ci si bagna anche di più! Un tocco di classe ci è fornito da Nicola che sale con l'ombrellino.

Codera è lassù, obbiettivo della prima sosta alla Locanda Risorgimento per ristorarsi e togliersi per un pò il pesante fardello dalle spalle. Una graziosissima bimba di 2 o 3 anni, Petra, riesce a gustare buona parte del mio cioccolato, regalandomi due occhioni grossi così...

Nel frattempo abbiamo scoperto perchè lo zaino di Silvano pare di piombo: cibo bastante a far felice una squadra di rugby per un paio di giorni!

Rifugio Giannetti

Ripartiamo e la valle si allarga e spiana permettendoci di assimilare il cibo. Faccio una deviazione dal sentiero principale per far passare i miei amici dal ponte ballerino, e poi mi accorgo che la vegetazione è ovviamente cresciuta molto da marzo quando ci passai la prima volta, e girovaghiamo per un pò prima di trovare la traccia che ci porta nuovamente in alto. Pazienti, i miei soci non fanno commenti, li ringrazio mentalmente.

Appena scorgo i lamponi a lato del sentiero comincio a gustarli e dopo un pò anche gli altri seguono il mio esempio (torniamo alle nostre origini, l'Homo era o no raccoglitore dei frutti della natura?) e divaghiamo serenamente ricordandoci le allegre scampagnate della nostra gioventù. Mi accorgo che Silvano mette a terra lo zaino guardandolo con odio sincero e ci mette più degli altri a convincersi a rimetterlo in spalla.

Arriva finalmente l'Alpe Bresciadega (è scritta almeno in altri due differenti modi, tengo buono questo) incanto dei sensi per la dolcezza e il verde della sua abetaia e le casine rigorosamente in pietra finemente ristrutturate; rammento il senso di magia che ho provato a fine inverno passandoci sulla neve ancora vergine, nessun'altro presente, mi aspettavo di veder spuntare qualche gnomo che inseguiva il mitico Unicorno o scene del genere! (Nostalgia).

Monte Legnone

Quest'Alpe è l'anticamera del Rifugio Brasca che ci accoglie più avanti, al cospetto dell'alta Val Spassato e del Pizzo Ligoncio, imponente scoglio di granito. Silvano arriva al posto tappa molto dopo di noi, provato e con la schiena a pezzi e nonostante l'ottima cucina dei rifugisti (o forse proprio a causa di ciò?) a tavola ci confessa che sta seriamente pansando di fermarsi il giorno dopo e poi rientrare a casa, invano stimolato da noi che gli consigliamo almeno di provarci ancora un giorno. Inizia intanto a circolare nelle nostre discussioni una voce su una leggendaria e persa Val Merdarola, di cui ignoriamo l'esatta ubicazione. La notte ci porterà il meritato riposo e la decisione di Silvano; la mattina dopo ripartiremo io, Nicola, Giuseppe e Paolo.

(continua... )

 
 Informazioni 
Articoli correlati:
Sentiero Roma e monte Disgrazia - II parte
Sentiero Roma e monte Disgrazia - III parte
Sentiero Roma e monte Disgrazia - IV parte
Sentiero Roma e monte Disgrazia - V parte
Sentiero Roma e monte Disgrazia - VI ed ultima parte
 

Ruggero Cattaneo

Pavia, 25/03/2002 (460)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool