Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 26 gennaio 2021 (356) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Giornata Internazionale delle Bambine e delle Ragazze
» Comune che vai, fisco che trovi
» Cyberbullismo: il male sottile
» Cities for Life - Città per la Vita/Città contro la Pena di Morte
» Evviva la Repubblica
» Ecco la carta dei servizi e dei diritti per i Musei di Pavia
» Nasce Radio Local
» Treno Verde 2016
» Pavia ad HappyCube
» Un altro Sanremo alle spalle
» Minerva d'Artista
» Appesi a un filo, ma senza rassegnazione
» I Beatles in edicola
» Madagascar 3: Ricercati in Europa. Ma anche a Pavia...
» Chiusura dei cinema Corallo e Ritz
» InfoMatricole 2012
» Pavia-Innsbruck: un gemellaggio possibile?
» Una fiaccolata per sensibilizzare sull’autismo
» Buio in sala? Prima che i cinema chiudano anche a Pavia
» Oscar 2012!

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» I rischi del bullismo on line, workshop al Borromeo
» Gli sposi e la Casa
» Festival dei Diritti 2019
» Giornata Internazionale delle Bambine e delle Ragazze
» Concorso Il rispetto dell'altro
» Non solo Cupola Arnaboldi – Pavia fa!
» Africando
» Giornata del Naso Rosso
» Pint of Science
» BambInFestival 2019
» Festival della Filantropia
» Sua Maestria
» CineMamme: al cinema con il bebè
» Home
» Uno sguardo sulla congiuntura economica italiana e mondiale
 
Pagina inziale » Oggi si parla di... » Articolo n. 4647 del 25 settembre 2006 (3263) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Nella nostra inconsueta impotenza
Nella nostra inconsueta impotenza
In Italia c’è una bambina Bielorussa che è stata nascosta dai genitori adottivi, i quali hanno deciso di infrangere una norma e quindi rischiare la galera, pur di non farla rientrare nel suo paese, o meglio nel brefotrofio-orfanotrofio che la ospitava, e in cui è stata sottoposta a umiliazioni e violenze inenarrabili, in sequenze miserabili raccontate non solamente dalla stessa bimba, ma soprattutto, dai coetanei, carnefici, rei confessi.
 
Violenza sui bambini, infamia tracotante di viltà.
Fin troppo facile dare briglia sciolta all’emozione, fin troppo facile rimanere incollati al televisore, a tal punto da imbrigliare la colpa, quella colpa che è sempre di altri, ma ci sbatte addosso la nostra consueta impotenza.
 
Bambini sottratti a una vita ancora tutta da venire, bambini rapinati della propria età e dei propri passi, bambini perduti nello strapotere dei confini eretti a stati distratti, dimentichi del rispetto della regola più naturale, quella che ci fa essere e rimanere uomini, persone, senso e parte di una umanità che sta ontologicamente dalla parte dei bambini.
 
La piccola Maria è in Italia, in attesa che il suo paese di origine metta di lato l’orgoglio nazionale, ponendo al centro l’amore per la sua giovane cittadina, nella comprensione per la nuova famiglia incontrata.
 
Occorre avere il coraggio di guardare fino in fondo in quegli occhi, non fermarsi alla periferia esistenziale che ci coglie sovente impreparati, è necessario dire basta alla inaccettabilità di un qualunque stato, paese, nazione, che permette la schiavitù, la tortura, la violenza sui bambini, in forza di una norma non scritta, ma assai più introiettata di qualsiasi legge, quale la povertà.
 
Bambini negli scantinati, nelle strade, nelle miniere, bambini in catene invisibili, lacerati alle caviglie come nel cuore, senza più occhi per vedere il domani, cancellato dalla negazione allo studio, alla conoscenza, e perfino bimbi in armi e tuta mimetica, altri piagati dalla fatica, altri ancora intervistati e denudati di ogni rimasuglio di libertà, così spudoratamente da far apparire la vicenda dell’infanzia negata e brutalizzata un aspetto quotidiano della vita.
 
 Maria la piccola dell’est, rimane nascosta, in attesa di un segno, di un’attenzione sensibile, che possa salvaguardarne l’innocenza, quanto meno nel suo carico di futuro.
 
Sale alta la richiesta di attenzione e di tutela per un’adolescenza mal riposta, per i tanti bambini costretti ai ceppi dell’ignominia, prigionieri della loro solitudine imposta, dietro le immagini satellitari o digitali terrestri, che fanno da schermo alle ingiustizie protratte, mentre noi ben infagottati nelle nostre incredulità, persistiamo a tollerare l’intollerabile.
 
 
 Informazioni 
 

Vincenzo Andraous

Pavia, 25/09/2006 (4647)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool