Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoled√¨, 12 agosto 2020 (864) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Da Pavia a Capo Nord - 5^ tappa lungo il Reno
» Da Pavia a Capo Nord - Dal S. Gottardo alla C3
» Da Pavia a Capo Nord - 1^tappa
» Il castello delle fiabe
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - V parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - III parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - II parte
» Grecia in barca a vela: terza parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - I parte
» Isole Ioniche: parte Est
» Isole ioniche: parte ovest
» Isole ioniche: parte sud
» Isole ioniche: parte nord
» Raid in bici: Loreo-Venezia
» Raid in bici: Stellata - Loreo
» Raid in bici: Mantova-Stellata
» Raid in bici: Cremona-Mantova
» Raid in bici: Pavia-Cremona
» Raid in bicicletta Pavia-Venezia
» L'isola che non c'è: Trinidad

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Torna a Pavia il Mercatino del Ri-Uso
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» Visita gratuita ai luoghi di San Riccardo Pampuri
» Un sabato al Museo per la Storia dell'Universit√†
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Natale in museo per bambini
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Lo sguardo di Maria
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 465 del 9 settembre 2002 (4246) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Sentiero Roma e monte Disgrazia - VI ed ultima parte
I Corni Bruciati

E' l'ultimo giorno di questa bellissima avventura e il tempo ci sorride ancora con un cielo di un blu immacolato.
Rivediamo, mentre scendiamo dal rifugio verso la Valle di Preda Rossa, tutta la via di salita e l'imponenza del Disgrazia che così benevolmente ci ha accolti sulla sua vetta. Siamo felici e probabilmente questo stato d'animo si riflette sul paesaggio che ammiriamo... che differenza rispetto a due giorni prima con tutto quel grigiore!

I Corni Bruciati formano un'anticamera rossa al ghiaccio candido della montagna e le gande sterili della Bocchetta formano un ammasso caotico sull'altro versante della valle. Mi imprimo nella memoria questa visione e ricomincio a scendere lungo un sentiero che non ammette troppe distrazioni.
Un tizio seduto a cena con noi ieri sera ci offre un passaggio in macchina per l'Alpe di Preda Rossa, coincidendo il nostro con il suo rientro, ma corre, ha troppa fretta di abbandonare questo paradiso e, quando ce ne accorgiamo, lo ringraziamo e lo salutiamo, lasciandolo andare con il suo passo che non concede attimi per guardarsi attorno. Con Giuseppe siamo d'accordo, ci avrebbe rovinato l'ultima tappa. E ci fermiamo quasi un'ora dove il torrente forma rapide e gorghi fra rocce levigate dall'acqua e dal tempo, in un effetto da sogno: scatto molte fotografie al mio socio e lui a me, riposando ai lati del sentiero o saltando tra un sasso e l'altro in mezzo al corso d'acqua; casa e i problemi sono lontani mille anni!

E che dire dell'Alpe di Preda Rossa con il torrente che forma meandri dal tranquillo scorrere in mezzo a prati i un'erbettina ormai prossima all'autunnale? Sogno già di portarci mio figlio in un'appassionante campeggio dispersi nella natura. Poi le macchine parcheggiate e l'asfalto della strada ci tolgono parte dell'incanto anche se la valle (come è lunga!) rimane verdissima e l'affiatamento con Giuseppe rende il tutto piacevole.
Una sosta al rifugio Scotti per bere una bevanda fresca e rifiatare un poco e giù ancora verso l'arrivo.

Ruggero in vetta!

Una vecchia botta a un dito del piede mette il freno a Giuseppe che vedo soffrire, ma non molla. Se ne accorge anche una famigliola di Como che sta tornando alla propria auto e insiste per portarci a Filorera. Alla fine accettiamo, provati, e in dieci minuti percorriamo più di un'ora di scarpinata, lasciandoci alle spalle sei giorni passati in mezzo alle montagne che sono sembrati un mese di vita sana e avvincente.
A Filorera ci rendiamo abbastanza presentabili e infiliamo con decisione la porta di un ristorante dove Giuseppe mi offre un'abbondante pasto a base di pizzoccheri (c'era da chiederlo?), trota impanata e insalata mista, innaffiato da un vinello rosso che mette allegria solo a vederlo.

La corriera ci accoglie e con il suo ritmo lento ci trasporta a Morbegno, dove abbiamo la coincidenza con il treno per Milano. C'è posto in carrozza e ci rilassiamo osservando il panorama scorrere sotto i nostri occhi. Alla stazione di Colico vedo Giuseppe che strabuzza guardando fuori dal finestrino e lancia un "ma quello è..." e non gli viene il nome. Guardo anch'io e ti vedo Silvano con il suo enorme zaino che sta faticosamente salendo sul vagone; prontamente gli vado incontro e ci scambiamo rumorosi saluti per la sorpresa e la felicità.
In pochi attimi ci raccontiamo tutto e vengo a sapere che si è poi fermato per tutti i giorni al Rifugio Brasca, coccolato "come da una mamma", è la sua espressione, dalla rifugista e, passato dopo un giorno il mal di schiena, ha cominciato a girare i sentieri della zona per tornare alla base tutte le sere, premiato alla cena con il famoso "pollo ruspante del Brasca", per la precisione la coscia (viziato!).

Lo metto al corrente delle nostre giornate e i racconti riempiono il tempo che ci separa da Milano, dove alla Centrale ci salutiamo cordialmente ripromettendoci altri giorni assieme.
L'ultimo tratto verso Pavia lo passiamo con un po' di malinconia e il benvenuto me lo da una zanzara sul pullman che mi riporta a casa, succhiandosi una dose abbondante di sangue ben ossigenato. Alla mia salute!

 
 Informazioni 
Articoli correlati:
Sentiero Roma e monte Disgrazia - I parte
Sentiero Roma e monte Disgrazia - II parte
Sentiero Roma e monte Disgrazia - III parte
Sentiero Roma e monte Disgrazia - IV parte
 

Ruggero Cattaneo

Pavia, 09/09/2002 (465)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool