Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 28 maggio 2020 (1014) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Fabrizio Poggi ed i Blind Boys of Alabama
» Lowlands
» Tornano i Fiò Dla Nebia
» Ultima: al traguardo
» Ticinn Canntal

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 4689 del 1 dicembre 2005 (2587) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Guido Mazzon
Guido Mazzon

Guido Mazzon (Milano,1946), trombettista e compositore, intraprende giovanissimo gli studi sotto la guida di Alvaro Persenico, prima tromba dell'Orchestra della Scala di Milano.

Partecipa alle prime esperienze di free-jazz in Italia alla fine degli anni '60, si lau-rea in Scienze Biologiche ed inizia la sua attività musicale nel '70 alla guida del Gruppo Contemporaneo, storica formazione del Nuovo Jazz Italiano, con la quale tiene concerti in Italia ed Europa.

Come solista e compositore alla guida di proprie formazioni partecipa ad innumerevoli festival internazionali di jazz (Milano, Bologna, Bergamo, Moers 78/79, Verona, Pisa, Colonia, Zurigo, Francoforte, Berlino, Parigi).

Ha collaborato con i maggiori esponenti della musica improvvisata europea e americana (Globe Unity di Alex von Schlippenbach, Misha Mengelberg Tentett, Cecil Taylor Euro-American Group, Radu Malfatti, Peter Kowald, Evan Parker, Paul Lovens, etc.), con Umberto Petrin e Tiziano Tononi (Other Line), Renato Geremia, Andrea Centazzo, Alberto Mandarini, Daniele Cavallanti, Mario Schiano, Giancarlo Schiaffini, Michel Godard.

Si esibisce in "Solo Performance" con attori, poeti, danzatori ed artisti visivi. Dal 1990 fa parte come solista e compositore dell'Italian Instabile Orchestra con la quale propone propri lavori orchestrali (Fall in Jazz, Free as a Bird, Come una zattera sospinta dal vento) in diversi festival jazz europei.

Nel 2000 partecipa al progetto di Piera Principe "La poesia della vita" con la performance "L'eredità ideale", dedicata al cugino Pier Paolo Pasolini.

Tiene seminari e stages sull'improvvisazione e la composizione nell'ambito del jazz contemporaneo. Ha sviluppato la sua attività di compositore ed improvvisatore nella continua ricerca di nuovi materiali sonori privilegiando l'accostamento di moduli linguistici diversi; in alcuni recenti lavori ha rivolto particolare attenzione al rapporto tra suono e ambiente e tra suono e silenzio.

Con la danzatrice e coreografa Piera Principe ha realiz-zato nel 2004 "Apro il Silenzio", concerto-performance che prende spunto dalla "Via crucis" di Franz Liszt.

Dal 2003 è ospite del gruppo rock d'avanguardia "Jerrinez".

Mazzon dichiara:"Compongo musica improvvisata ed improvviso musica composta, perché amo lasciar vivere la musica nel suo spazio ambientale e temporale".

Di lui Roberto Valentino scrive: "In queste parole è racchiuso il senso del percorso artistico di Guido Mazzon che, fra iprotagonisti del nuovo jazz italiano sorto negli anni Settanta, spicca per quel rigore progettuale che lo ha portato ad esprimersi attraverso una musica che nella combinazione fra la libertà immaginativa di un Ornette Coleman o di un Don Cherry e un lirismo melodico tipicamente italiano, sia colto sia popolare, trova la propria ragion d'essere. Dalla sua tromba fuoriescono note distillate con pathos e forte carica emozionale, capaci di farsi introspettive - ma anche graffianti e abrasive - come di illuminarsi di bagliori solari. Il tutto nell'ambito di un linguaggio squisitamente jazzistico, con tanto di riverberi poetici della più autentica tradizione blues e gospel".

Dalla discografia:

1974 Gruppo Contemporaneo (PDU A 5089)
1975 Ed ora parliamo di libertà (PDU A 6024)
1975 Solo - Una rotella e una vitina (PDU A 6048)
1975 Ecologia, ecologia (ECP Lp 004)
1975 Il Nuovo Jazz Italiano degli anni '70 (PDU PLDM 7041/42)
1976 Duetti (L'Orchestra OLP 10009)
1977 Gospel (L'Orchestra OLP 10015)
1977 Capricorno (L'Orchestra OLP 10014)
1979 Songs & Tales (L'Orchestra OLP 10020)
1984 Music is Music is... (Uhlklang UK 6)
1986 Aspettando i dinosauri (Lp 0009 Bull rec)
1986 The Unrepentant Ones (Fonit Cetra IJC 005)
1987 Italian Art Quartet (WM Boxes 106)
1988 Effetti Larsen (Splasc-h HP 09)
1990 Other Line (Splasc-h CD 11 217-2)
1992 Il profumo della libertà (Splasc-b CD H 377)
1992 Italian Instabile Orchestra - Live in Noci & Rive de Gier (Leo Ree. CD LR 182)
1994 Italian Instabile Orchestra - Skies of Europe (ECM 1543)
1996 Trumpet Buzz Duo (Splasc h CDH 466.2)
1997 Pirotecnie Sonore (Splasc-h CDII 661.2)
1998 I.I. Festival (CD LR 2621263)
1998 IF (Splasc-h CDII 629.2)
1999 The Swinging Camera (Splasc-h CDH 699.2)
2000 Come un soffio di vento (VMB CD 118)
2000 I.I.O. Litania sibilante (ENJ 940
2002 Flames Frames (M.A.P.)
2004 Cecil Taylor & Italian Instabile Orchestra - The owner of the river bank (Enj-9465)

 
 Informazioni 
Per contatti:
Tel.: 0382/35164 - 348/5720101 (Guido Mazzon)
E-mail: mazzon.guido@libero.it

 

Furio Sollazzi

Pavia, 01/12/2005 (4689)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool