Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 12 agosto 2020 (840) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Da Pavia a Capo Nord - 5^ tappa lungo il Reno
» Da Pavia a Capo Nord - Dal S. Gottardo alla C3
» Da Pavia a Capo Nord - 1^tappa
» Il castello delle fiabe
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - VI ed ultima parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - V parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - III parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - II parte
» Grecia in barca a vela: terza parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - I parte
» Isole Ioniche: parte Est
» Isole ioniche: parte sud
» Isole ioniche: parte nord
» Raid in bici: Loreo-Venezia
» Raid in bici: Stellata - Loreo
» Raid in bici: Mantova-Stellata
» Raid in bici: Cremona-Mantova
» Raid in bici: Pavia-Cremona
» Raid in bicicletta Pavia-Venezia
» L'isola che non c'è: Trinidad

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» Torna a Pavia il Mercatino del Ri-Uso
» Visita gratuita ai luoghi di San Riccardo Pampuri
» Un sabato al Museo per la Storia dell'Università
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Natale in museo per bambini
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» Lo sguardo di Maria
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 472 del 11 gennaio 2002 (4336) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Isole ioniche: parte ovest
Baia di Itaca

Prima di raggiungere Itaca, puntiamo a Sud della Penisola di Levkas, per visitare il piccolo Golfo di Sivota: un'oasi naturale riparata da tutti i venti, sosta gradita quindi da tutti i velisti in un porto dove numerose trattorie ti permettono di mangiare ottimo pesce.

Poche miglia ci dividono da Itaca, mitica patria di Ulisse, eroe dell'Odissea. È una piccola isola rocciosa, attraversata da una stretta catena montuosa culminante nel Monte Aetòs; le coste sono molto frastagliate con piccole e grandi insenature. Itaca, ricca di paesaggi e di atmosfere cariche di suggestioni leggendarie, merita una visita di almeno due giorni.

A Vathì, capoluogo e porto dell'isola, suggerisco la visita al museo archeologico e alla biblioteca del centro culturale, che conserva edizioni rare dell'Iliade e dell'Odissea.

Vi consiglio anche di visitare l'isola noleggiando un motorino: una discreta rete stradale vi permetterà di vedere paesini incantevoli e spiagge magnifiche.

Uno scorcio di Cefalonia

Lasciata Itaca, rotta verso Cefalonia, la più grande delle isole Ionie. È un'isola montuosa, molto verde; le sue coste ricche di promontori, golfi e grotte, la varietà del suo paesaggio e l'ospitalità della gente le conferiscono un fascino particolare. La sua storia, è tanto ricca da riportarmi alla memoria, ad esempio, l'eccidio consumato dai tedeschi nel 1943 nei confronti di soldati italiani della divisione Acqui dopo la firma dell'armistizio.

L'isola venne devastata da un terremoto che distrusse i 365 villaggi dell'isola; le costruzioni quindi sono moderne, ma vale la pena di visitare Argostolì, il capoluogo, Poros, pittoresco villaggio di pescatori con il suo monastero, Samì, circondata dai resti delle antiche mura della città e Fiskardo, unico paese che si è salvato dal terremoto e conserva quindi le sue carateristiche originarie.

Fiskardo

Qui abbiamo mangiato, in una trattoria, il Moussakà, tipico piatto greco a base di melanzane, carne e besciamella; è un cibo molto sostanzioso, a volte troppo unto, ma in questo caso era perfetto, abbinato a un vino bianco dell'isola chiamato Robola.

Ultima tappa prima di entrare nel Golfo di Patrasso a Sud di Cefalonia , l'isola di Zante, famosa per la sua bellezza e per avere dato i natali a poeti famosi come Ugo Foscolo e Dionìsios Solomòs. Chiamata "Fior di Levante" dai veneziani, rimane un'isola affascinante, in particolare per le sue spiagge di sabbia finissima e le acque cristalline, ma deludente, a mio giudizio, per la recettività turistica, che l'ha un po' snaturata (rimane comunque un luogo da visitare).

...E poi domani si parte per l'ultima parte del viaggio dal golfo di Patrasso al Canale di Corinto.

(...continua...)

 
 Informazioni 
Articoli correlati:
Isole ioniche: parte nord
Isole ioniche: parte sud
Isole ioniche: parte est
Isole ioniche: parte ovest
 

Stefano Gérard

Pavia, 11/01/2002 (472)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool