Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 15 agosto 2020 (880) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Da Pavia a Capo Nord - 5^ tappa lungo il Reno
» Da Pavia a Capo Nord - Dal S. Gottardo alla C3
» Il castello delle fiabe
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - VI ed ultima parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - V parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - III parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - II parte
» Grecia in barca a vela: terza parte
» Sentiero Roma e monte Disgrazia - I parte
» Isole Ioniche: parte Est
» Isole ioniche: parte ovest
» Isole ioniche: parte sud
» Isole ioniche: parte nord
» Raid in bici: Loreo-Venezia
» Raid in bici: Stellata - Loreo
» Raid in bici: Mantova-Stellata
» Raid in bici: Cremona-Mantova
» Raid in bici: Pavia-Cremona
» Raid in bicicletta Pavia-Venezia
» L'isola che non c'è: Trinidad

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» Torna a Pavia il Mercatino del Ri-Uso
» Visita gratuita ai luoghi di San Riccardo Pampuri
» Un sabato al Museo per la Storia dell'Università
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Natale in museo per bambini
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» Lo sguardo di Maria
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 5083 del 23 gennaio 2007 (4355) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Da Pavia a Capo Nord - 1^tappa
Diego Vallati e la sua Oly
Prendere la bicicletta e partire. Saltare in sella, portando con sé solo il minimo indispensabile, e affrontare un lungo viaggio - di tanti chilometri e tanti giorni - contando solo sulle proprie forze.
Per molti è un'idea bizzarra, quasi una pazzia, per qualcuno un sogno irrealizzabile. Per Diego Vallati, atletico 60enne pavese, un progetto concreto, o meglio: un sogno diventato realtà!
 
4486 chilometri, coperti in 44 giorni, per portare a termine l’incredibile avventura che ha visto l'intrepido ciclista partire da Pavia e, “semplicemente” spingendo sui pedali della sua “Oly”, arrivare fino a Capo Nord!
 
Come si fa a descrivere un sogno?”. Si apre così il diario di viaggio che il nostro protagonista ha steso con cura, annotando, giorno dopo giorno, i luoghi, gli incontri, le impressioni, le emozioni, gli imprevisti incontrati durante il percorso che lo ha portato ad attraversare Nord Italia, Svizzera, Francia, Germania, Danimarca, Svezia, Finlandia e Norvegia.
E se lo stesso Vallati si domanda come raccontare il suo sogno, certo capirete perché preferiamo lasciare che siano stralci del suo stesso scritto a narrarvi, tappa per tappa, la straordinaria impresa…
 
8.30 del 23 maggio 2006: eccomi qua. C’è anche Emilio Vecchio che, con Marco Forlani, mi accompagnerà per qualche chilometro, fino ad un tratto della pista ciclabile dei Navigli… Poi saluto e via. Il tempo sembra tenere. Le previsioni di ieri, poi rettificate in meglio stamane, mi avevano fatto prendere in considerazione addirittura un rinvio.
 
Percorrendo la strada che costeggia il Naviglio Grande, a Turbigo si impone una sosta per “rifornimento d’acqua e doveroso omaggio all’onda dei canoisti (...) La pista ciclabile arriva quasi fino a Sesto Calende. Un viaggio molto bello. Da qui inizia una strada molto trafficata e le gambe iniziano ad essere pesanti”.
 
Dopo aver raggiunto il Lago Maggiore, e aver macinato i primi 110 chilometri, si chiude la prima tappa e per Vallati è ora di ritirarsi presso l’istituto di Suore di Leggiuno (VA) dove ha chiesto ospitalità per la notte…
Intermezzo fantozziano: vado al piano terra, sotto una tettoia, a pulire la catena della bici. Lascio la porta aperta, perché dall’esterno non si può aprire… Un colpo di vento la chiude e contemporaneamente inizia a piovere alla grande. Sono bloccato, devo attendere che qualcuno mi apra…”.
E dopo aver promesso a Suor Linangela, la madre superiore, di comunicarle al termine del viaggio l’avvenuto rientro “sano e salvo”, si chiude anche la giornata…
Domani Vallati ripartirà di buon ora (o quasi) destinazione Svizzera!
 
Mi sveglio presto e parto tardi… Dopo Laveno, causa la strada stretta si è formato un lungo ingorgo di macchine, camion e pullman. Questo mi consente di attraversare una lunga galleria poco illuminata in splendida solitudine.
A 150 km esatti supero il confine!
È una bella giornata di sole, anche se all’ombra fa freddo, e altrettanto bello è il lago, specialmente il tratto svizzero.
A Bellinzona imbocco la E/3. Il vento, naturalmente contrario, è molto forte e le gambe cominciano a farsi sentire… la Salita del San Gottardo si avvicina...
In ogni modo riesco ad arrivare a Faido, il mio obiettivo iniziale, dove trovo un albergo vecchio e triste come la proprietaria di 74 anni. Doccia al piano terreno, paurosamente vicino alla cucina, la mia camera al 2° piano... i servizi, "quasi" al piano, sono in condizioni disgustose... ma avevo detto che mi sarei adattato a tutto
”.
 
(... continua... )
 
 Informazioni 
1^ tappa: Pavia - Leggiuno = 110 Km
2^ tappa: Leggiuno - Faido = 110 Km
 

Sara Pezzati
e il Diario di viaggio di Diego Vallati

Pavia, 23/01/2007 (5083)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool