Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 6 dicembre 2020 (635) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Festa dell'Albero 2019
» Gioca d'anticipo!
» Scienziati in prova
» Lavanda e farfalle...
» Filippo Solibello, Stop plastica a mare
» Alla Ricerca della Carta Perduta
» Caccia al tesoro in Gipsoteca
» Pint of Science
» Pavia Plastic Free... liberiamo la città dalla plastica
» Festival della Filantropia
» CineMamme: al cinema con il bebè
» #quandocaddelatorrecivica
» M'illumino di meno"-Edizione 2019
» Laboratorio di calligrafia
» Natale al Broletto
» Vallone Social Crew
» Scienziati in Prova
» Villa Necchi: “Luoghi del Cuore"
» Settimana del giovane naturalista
» Scienziati in Prova - L'impatto della Scienza sullo Società

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Biodiversità degli animali
» Riabitare l'Italia & Appennino atto d'amore
» Festa dell'Albero 2019
» Lotte biologica, l'importanza dell'impollinazione da parte delle api
» Come moltiplicare le piante in casa: tecniche e consigli
» Corso sulla biodiversità urbana
» Passeggiata naturalistica
» Corso base di acquarello naturalistico
» La Margherita di Adele
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» BiodiverCittà - passeggiata al Parco della Sora
» Biodivercittà - passeggiata al Parco della Vernavola
 
Pagina inziale » Ambiente » Articolo n. 5113 del 30 gennaio 2007 (1932) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
World Wetlands Day
Perticolare del poster 2007 World Wetlands Day
Il World Wetlands Day, ovvero la “Giornata mondiale delle zone umide”, cade il 2 febbraio, data in cui, nel 1971 venne stipulata, nella città iraniana di Ramsar, sulle coste del mare Caspio, la convenzione sulle zone umide che impegna i Paesi firmatari per “la conservazione e l’uso corretto delle zone umide tramite l’azione nazionale e internazione di cooperazione per raggiungere uno sviluppo sostenibile”.
 
Nel mondo le "aree quali stagni, paludi, torbiere, bacini naturali e artificiali permanenti con acqua stagnante o corrente dolce, salmastra o salata, comprendendo aree marittime la cui profondità in condizioni di bassa marea non supera i sei metri" (così come definite nella Convenzione internazionale di Ramsar) sottoposte a tutela, proprio in seguito a tale patto, erano - già nel 2002 - pari a 105.8 milioni di ettari, vale a dire un’area grande quanto il Portogallo.
 
La ricorrenza è stata celebrata per la prima volta in 1997 e da allora, ogni anno, gli enti governativi, le organizzazioni non governative, le associazioni e i gruppi di cittadini di vari ordine e grado approfittano dell'occasione per intraprendere azioni mirate a sollevare l’attenzione sul valore e sulla corretta gestione delle zone umide che includono seminari, passeggiate in natura, comunicati per la stampa, e slogan da trasmettere in radio…
Ogni anno, viene affrontato un aspetto peculiare: il tema del 1999 fu “La gente e le zone umide: un legame vitale”, quello del 2001 “Il mondo delle zone umide - Un mondo da scoprire”, “Acqua, vita, cultura” per il 2002,  “Niente zone umide - Niente acqua” il forte messaggio del 2003, “La diversità culturale e biologica delle zone umide” è stato l’argomento portante del 2005 e Fish for Tomorrow è lo slogan che quest’anno pone l’accento sulla pesca, sulla conservazione degli habitat litoranei e sulla disponibilità di pesce per il futuro.
 
Per questa ricorrenza, il Centro Parco Cascina Venara propone l’iniziativa “Il Fiume Azzurro”, una visita guidata lungo le sponde del Ticino che riprende i contenuti della giornata mondiale delle zone umide che appunto mira a promuovere una diffusa conoscenza e sensibilità circa il drammatico status di conservazione delle popolazioni mondiali di pesci… argomento che, solitamente, difficilmente viene affrontato durante una visita guidata su un fiume caratterizzato da importanti volumi d'acqua.

Un esperto accompagnerà i visitatori alla scoperta della parte più nascosta del fiume, quella che si trova sotto il pelo dell'acqua, presentando le problematiche nonché i principali programmi in atto tesi alla conservazione dell'ecosistema fluviale e di alcune specie di pesci a rischio.
 
 Informazioni 
Dove: Centro Parco Cascina Venara - Zerbolò
Quando: domenica 4 febbraio 2007, ore 14.30
Partecipazione: è richiesto un cotributo minimo di 4,00 euro per gli adulti e di 3, 00 euro per i bambini.
Per informazioni e prenotazioni:
Tel.: 338/6320830 (dalle 10.00 alle 18.00)
 

La Redazione

Pavia, 30/01/2007 (5113)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool