Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 28 maggio 2020 (1013) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Macadam: Latitudine incrociate
» Fabrizio Poggi & Chicken Mambo: Spaghetti Juke Joint
» Nat Soul Band: Not so bad
» Far Out
» Ho sbagliato secolo
» Blues, Blues e ancora Blues
» Shag’s Airport
» Accordiamoci
» Il leone nell’Arena
» Francesco Garolfi: Un posto nel mondo
» Alberto Tava: il nuovo disco Mediterraneo
» Il matrimonio che vorrei: da oggi a Pavia
» Reality: ma quando ANCHE a Pavia?
» Il rosso e il blu: scuola italiana...
» Magic Mike: quando è lui a spogliarsi...
» I Beach Boys in Italia: c’ero anch’io!
» Giorgia, che sorpresa!
» Il ritorno dell'uomo armonica
» Wanna Be Startin’ Somethin’. Thriller rivisitato
» Un disco tutto pavese per Woody Guthrie

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 5143 del 7 febbraio 2007 (1591) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
SpazioBlues, cena o concerto?
SpazioBlues, cena o concerto?
Veniva da porsi questa domanda, respirando l’atmosfera che aleggiava martedì sera (il 6 febbraio scorso) a Spaziomusica (Pavia), prima e durante il concerto di presentazione del cd SpazioBlues, dedicato alla memoria di Bruno Morani, che celebra l’amore per il Blues che si respira da sempre in questo locale.
 
Cena o concerto? Tutti e due! Alla cena dopo il sound-check ci siamo ritrovati dopo sei mesi dai giorni in cui stavamo incidendo il disco ed è stata una specie di festa di famiglia, con abbracci, pacche sulle spalle, battute e sfottò.
Pane e salame, gorgonzola e vino hanno suggellato l’incontro, preparando gli animi al momento del concerto.
 
Peccato l’evento non abbia avuto il rilievo richiesto su tutta la stampa e il pubblico non sia stato numerosissimo (ma lo dico soprattutto per loro e non per i musicisti che, anzi, hanno offerto uno spettacolo veramente di alto livello e i risultati, seppur diversi in qualche modo da quelli del disco (mancavano alcuni protagonisti dell’album, decimati dall’influenza), hanno rispecchiato in pieno lo spirito che permea questo lavoro rendendolo così unico nel panorama della discografia blues italiana.
 
Avendo i presenti sostituito i musicisti mancanti, si sono create nuove situazioni sul palco, alcune delle quali molto interessanti (ad es. l’accoppiata Paolo Terlingo e Roberto Aglieri o Vincenzo Rende e Betty Verri).
 
Esauriti i brani del disco, il concerto è sfociato (come giustamente doveva accadere, trattandosi di blues) in una gigantesca jam finale.
Si replicherà a fine giugno, con una gigantesca due-giorni di blues con contorno di salamelle.
 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 07/02/2007 (5143)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool