Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 25 novembre 2020 (387) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Due elefanti rossi in piazza...
» Porte Aperte
» Ad AstroSamantha la laurea honoris causa
» Mattoncinando in Cavallerizza
» Caravaggio
» Tutti in TV!
» 200 giorni nello spazio con la Cristoforetti
» Darwin Day: Evolution is Revolution
» Festival dei cori di Porana
» Vigevano Medieval Comics
» Mangialonga biologica
» SensAzioni di Appennino
» 4° Cicogna Days
» Trame di guerra Intorno al Giorno della Memoria
» Inaugurazione del 654° Anno Accademico
» Ludovico e Beatrice. Invito a Palazzo Ducale
» Dream - Festa di Ferragosto
» Convivium - Giromangiando nel borgo medioevale
» Merenda sul prato
» Lennon Memorial Concert

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Biodiversità degli animali
» Riabitare l'Italia & Appennino atto d'amore
» Festa dell'Albero 2019
» Lotte biologica, l'importanza dell'impollinazione da parte delle api
» Come moltiplicare le piante in casa: tecniche e consigli
» Corso sulla biodiversità urbana
» Passeggiata naturalistica
» Corso base di acquarello naturalistico
» La Margherita di Adele
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» BiodiverCittà - passeggiata al Parco della Sora
» Biodivercittà - passeggiata al Parco della Vernavola
 
Pagina inziale » Ambiente » Articolo n. 5632 del 8 giugno 2007 (2092) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Un anniversario fiorito
Un anniversario fiorito
Il 16 giugno 2007 ricorrono i 40 anni dalla fondazione del Giardino Alpino di Pietra Corva.
Tanto è già trascorso da quando Antonio Ridella, veterinario condotto di Zavattarello ed esperto di botanica, vide realizzarsi il suo sogno di sempre: un giardino alpino con lo scopo di far conoscere agli altri, soprattutto ai giovani e a coloro che non potevano viaggiare, le bellezze del mondo vegetale che egli stesso aveva potuto ammirare durante i suoi numerosi viaggi e che, attraverso racconti appassionati, era solito condividere con gli amici e narrare come fiabe ai bambini.
 
La scelta del luogo non fu casuale e comportò ricerche effettuate il collaborazione con il Corpo Forestale dello Stato finalizzate a trovare un luogo il più adatto possibile ad ospitare le specie alpine. Fu scelto questo angolo di Pietra Corva, folto di boschi verdissimi in contrasto con il terreno quasi nero di serpentino.
Iniziarono così i lavori di suddivisione delle aiuole, allargamento dello stagno, la costruzione dei sentieri e l’introduzione di specie prelevate in natura su Alpi, Pirenei, Balcani, Asia, nelle due Americhe, Africa, Nuova Zelanda. Alcune si esse le portò in Italia personalmente, in occasione dei viaggi che ogni anno effettuava in Argentina e sulle Ande Merdionali della Patagonia.
 
A quel tempo sorse così un giardino con una finalità ben precisa: conservare ed adattare piante d’alta quota provenienti da diversi sistemi montuosi. L’apertura ufficiale al pubblico avvenne nel maggio del 1967, allorquando fu possibile dimostrare ai visitatori che il progetto non era più un’utopia ma stava diventando realtà. Da quel momento la conoscenza del Giardino fu possibile a numerosi visitatori provenienti non solo dalle nostre regioni, ma anche da località molto lontane.
 
Attorno agli anni ‘70 la passione e l’entusiasmo di Antonio Ridella riuscirono a contagiare un gruppo di amici tra cui Adriano Bernini, che lo aiutò a potenziarne la struttura e, alla sua precoce morte avvenuta nel 1984, subentrò nella direzione del giardino. Anche le finalità, rispetto ad un tempo, sono mutate; in particolare il Giardino Alpino di Pietra Corva svolge, com’è previsto dalla concezione moderna di gestione dei giardini botanici, molteplici funzioni: didattico-educativa, conservazione e protezione, ricerca, turistico-economica.
 
Le specie attualmente presenti nel giardino sono circa 1300, suddivise nei vari settori principalmente secondo la provenienza geografica, la collezione di generi importanti, le caratteristiche ecologiche e ambientali di crescita.
 
Il Giardino è dotato di centro-visita che illustra i diversi aspetti del territorio ed è completato da un percorso interno al giardino, dove, attraverso pannelli didattici, sono illustrati e descritti i principali habitat dell’Appennino. I recinti confinanti con il giardino ospitano inoltre ungulati quali cervi, daini e mufloni.
 
Inoltre presso il Giardino Alpino di Pietra Corva è stato di recente realizzato un Centro Studi dell’Appennino Settentrionale, il cui scopo è quello di favorire, sviluppare e realizzare attività di ricerca, educazione ed informazione sull’ecosistema naturale appenninico nonché attività di studio e proposta per la conservazione e il recupero di aree a vocazione naturalistica; nell’ambito di tale iniziativa, sono in corso approfonditi studi finalizzati alla realizzazione di un censimento sulla biodiversità dell’Appennio settentrionale.
 
Per celebrare i quarant’anni di vita del Giardino Alpino di Pietra Corva,la Provincia di Pavia, la Comunità Montana e il Comune di Romagnese (enti che in collaborazione tra loro lo hanno in gestione) - che nell’occasione ricordano il messaggio del dott. Ridella che diceva “per ricordare me, osservate un fiore e accarezzate un cane” - hanno organizzato una giornata dedicata al Giardino e pubblicato il nuovo volume Piante da utilizzare e da proteggere in Provincia di Pavia”.
 
 Informazioni 
Dove: Giardino Alpino di Pietra Corva - Romagnese
Quando: sabato 16 giugno 2007
Per informazioni: Tel. 0382/597865
 
 
Pavia, 08/06/2007 (5632)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool