Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 27 ottobre 2021 (232) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Squali, predatori perfetti"
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Oltre lo sguardo
» Looking for Monna Lisa
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Lectio magistralis di Vittorio Sgarbi
» Scienziati in prova
» Notte dei Ricercatori - Settimana della Scienza
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Porte Aperte
» Giornata del Laureato
» Bloomsday
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Pila di Volta
» Paolo Gentiloni, Roberto Maroni e Ferruccio de Bortoli a Pavia
» Viaggio nel lato oscuro dell'universo
» Scienziati in Prova
» SHARPER: il volto umano della ricerca
» Fiera delle Organizzazioni Non Governative e della Società Civile
» Giornata del Laureato
 
Pagina inziale » Università » Articolo n. 61 del 1 luglio 2003 (2854) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Pavia com'era, com'è
Pavia com'era, com'è

Ideata e realizzata dalla cooperativa sociale Alef la mostra parte dall'immediato passato, dalle prime testimonianze fotografiche che restituiscono l'immagine lontana e al tempo stesso ancora familiare dei luoghi che ogni giorno viviamo.

Strade, viali, edifici vissuti da volti perduti nel bianco e nero delle fotografie messe a disposizione dall'Istituto per la storia della Resistenza e dell'età contemporanea. Gli stessi luoghi, le stesse inquadrature vengono riproposte da una campagna fotografica in grado di caratterizzare i nuovi scatti in senso artistico, oltre che documentaristico.

Le immagini della mostra sono state tratte dagli archivi dello stesso e dei Civici Musei di Pavia: molte di queste sono opera di Guglielmo Chiolini e di Giuliano Carraro.
Se il primo è il fotografo ufficiale di Pavia, capace di documentare con perizia ed eleganza formale la vita della città, i suoi luoghi meno noti, il secondo attende ancora una riscoperta che permetta di godere della potenza espressiva delle sue inquadrature, degli equilibri nascosti delle sue scenografie visive, di una teatralità mai artificiale, ma sempre colta nella spontaneità del momento.

La nuova campagna fotografica che accompagna le immagini scelte, ha tentato quanto più possibile di restituire le medesime inquadrature e i medesimi tagli. Non sempre è stato possibile, in generale si è cercato per lo meno di avvicinarsi alle originarie condizioni.
Pannelli con testi di autori noti nel contesto pavese quali Rossana Bossaglia, raffinata e affermata storica dell'arte, e Mino Milani, giornalista e divulgatore storico, guidano questi percorsi nella nostra storia recente fornendone una ulteriore chiave di lettura.

Pavia com'era, com'è - Segni e tracce del passato, patrocinata dalla Provincia di Pavia, dal Comune di Pavia, dall'Università degli Studi di Pavia e dall'Istituto pavese per la storia della resistenza e dell'età contemporanea, nasce nel quadro di un più ampio progetto di valorizzazione culturale che vede la costituzione di un Centro per la conservazione e gestione dei Beni Culturali.
La mostra costituisce il primo momento inaugurale di un progetto che trova realizzazione in uno spazio suggestivo di circa 300 metri quadri, in uno dei palazzi storici più interessanti di Pavia, condotta da personale specializzato nelle attività di accoglienza al pubblico, nella salvaguardia di raccolte, di manutenzione delle strutture, di didattica e di promozione.
L'attività del centro sarà orientata alla valorizzazione delle molteplici valenze storiche e artistiche che la millenaria storia della città è capace di raccontare e di cui restano ancora numerose e vive tracce.

 
 Informazioni 
Dove: Centro Servizi per la conservazione e la gestione dei beni culturali - Ex convento dei Frati Crociferi
via Cardano 8 - Pavia
Quando: fino al 23 marzo 2003
Dal martedì al venerdì: 10.00-12.30 e 14.30-18.00;
sabato e domenica: 14.30-20.00; lunedì chiuso.
Ingresso: 3,00 euro - Catalogo 15,00 euro.

Per informazioni:
Tel 0382/24376
info@alefcoop.it
E' possibile prenotare visite guidate e laboratori didattici per scolaresche.

 

La Redazione

Pavia, 01/07/2003 (61)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool