Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 19 maggio 2019 (238) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» 10 per Pavia a Catania!
» Il Demetrio su Amadeus
» La Sella Plicatilis a Magdeburgo
» Adotta un'orchidea!
» Beatles Next Generation: bufala o realtà?
» Oh, questa è bella! (appendice sanremese)
» George Harrison - Living in the material world
» I ragazzi della Via Stendhal
» Una tela del Procaccini a Lungavilla
» Donald & Jen MacNeill e i Lowlands
» La musica in Portogallo
» Cucina ebraica in Lomellina
» Mistero a Pavia
» Musica e auto
» La colomba… Ha fatto l’uovo!
» Musica ceca
» Una giornata a Camillomagus
» Piva piva l'oli d'oliva
» Sodalizio gastronomico...
» CicloPoEtica 2010

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Pila di Volta
» Paolo Gentiloni, Roberto Maroni e Ferruccio de Bortoli a Pavia
» Viaggio nel lato oscuro dell'universo
» Scienziati in Prova
» SHARPER: il volto umano della ricerca
» Fiera delle Organizzazioni Non Governative e della Società Civile
» Giornata del Laureato
» Letizia Moratti ospite al Nuovo
» Giornata Goldoniana
» UniPV Innovation - Mission Impossible: Fundraising
» L'esperienza costituzionale di uno storico del diritto
» Raccontare il territorio pavese fra banche e imprese locali
» Pavia ricorda Johann Peter e Joseph Frank
» Matteo Bussola: A Contemporary Storyteller
 
Pagina inziale » Università » Articolo n. 6154 del 4 dicembre 2007 (3929) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Un Nobel all'ateneo pavese
Un Nobel all'ateneo pavese
Ernesto Teodoro Moneta – Nobel per la pace nel 1907 – fu studente dell’Ateneo pavese. I documenti conservati presso l’Archivio storico dell’Università saranno presentati nel corso della tavola rotonda “Ernesto Teodoro Moneta. Un premio Nobel all'Università di Pavia” in programma lunedì prossimo.
 
L'occasione è il ritrovamento - da parte dell’Archivio Storico dell’Ateneo pavese - di un documento che attesta la presenza all’Università di Pavia di Ernesto Teodoro Moneta studente di discipline politico-legali nell'anno accademico 1852-1853.
Dal testo si apprende che Ernesto Teodoro Moneta non solo si distinse come brillante studente, ma che proprio a Pavia poté avviare lo studio di discipline che caratterizzarono la sua azione internazionale, fornendo le basi di una straordinaria attività in favore della pace fra i popoli, che gli valse il Nobel per la pace nel 1907.
 
Il ritrovamento di questo documento – anticipa il Rettore Angiolino Stellaè per noi di grande significato: ci permette non solo di annoverare tra i nostri alunni illustri un altro premio Nobel, ma sottolinea ancora una volta il ruolo fondamentale dell’Ateneo pavese nel contesto della cultura italiana e lombarda dei primi anni del 1900. All’Università di Pavia si sono infatti formati negli stessi anni sia Camillo Golgi, che dell’Ateneo fu poi docente e Rettore, e che ha ricevuto il Nobel per la Medicina nel 1906 sia Ernesto Teodoro Moneta, Nobel per la pace nel 1907”.
 
La tavola rotonda del 10 dicembre contribuirà quindi ad approfondire la biografia e l’opera di Ernesto Teodoro Moneta, a cent’anni dall’attribuzione del Nobel.
Paolo Mazzarello, biografo di Camillo Golgi, presenterà “Il contributo dell'Ateneo pavese alla cultura scientifica europea”, quindi Claudio Ragaini, vice-direttore di “Famiglia Cristiana” e biografo di Moneta interverrà su “Ernesto Teodoro Moneta protagonista del suo tempo”; Luigi Vittorio Majocchi approfondirà “Ernesto Teodoro Moneta e l'idea di Stati uniti d'Europa”, mentre Fabio Zucca, direttore dell’Archivio storico dell’Università di Pavia, presenterà i documenti che attestano la presenza a Pavia in Ateneo di Ernesto Teodoro Moneta tra il 1852-53.  
          
In quell'anno, infatti, il futuro premio Nobel per la pace frequentò a Pavia il primo corso degli Studi Politico-legali, che prevedeva Diritto penale e processo penale, superato con eminenza, Statistica generale degli Stati d'Europa, Statistica particolare degli Stati d'Austria, Introduzione enciclopedica allo studio politico-legale, Diritto naturale privato e pubblico. Decise però di abbandonare presto gli studi, per partecipare alle lotte risorgimentali.
Moneta fu, infatti, protagonista di una stagione militare intensa e decisiva, anche per la sua attività futura: come garibaldino partecipò a tutte le campagne militari sino al 1866 ma, proprio la violenza delle battaglie del 1866 e la vista dei morti e dei feriti, fece nascere in lui una dura condanna delle guerre.
 
Conclusa così a 33 anni la carriera militare, Ernesto Teodoro Moneta scelse di dedicarsi al giornalismo attivo. Nel 1867 divenne direttore del “Secolo” giornale d'ispirazione democratica, fondato un anno prima dall'editore Sonzogno. Rimarrà direttore per 29 anni, promuovendo battaglie sociali in favore dell’istruzione obbligatoria e gratuita, dell’apertura di biblioteche popolari e asili, dell’assistenza sanitaria, di molte questioni salariali.
Iniziò anche a combattere battaglie pacifiste, ad esempio contro la guerra coloniale italiana in Eritrea, fondando nel 1887 a Milano l'Unione Lombarda per la pace e l'arbitrato internazionale.
Da questo momento l'attività di giornalista cedette gradualmente il passo a quella di diffusore delle idee pacifiste a cui non era estranea quella della costituzione degli Stati Uniti d'Europa, possibile soluzione alle guerre fratricide che devastavano il continente.
Nel 1898 fondò la rassegna quindicinale "La vita internazionale", che sarà l'organo ufficiale della Unione Lombarda della pace e l'arbitrato internazionale e raccoglierà intorno alla testata, e a favore della causa pacifista, illustri collaboratori: Felice Momigliano, Pareto, Salvemini, Loira, Ojetti, Ada Negri.
Un’ attività incessante di pacifista, che valse a Moneta nel 1907 il conferimento del premio Nobel per la pace, terzo in assoluto e unico conferito a un italiano.  
 
 Informazioni 
Dove: c/o Archivio storico dell'Università, Palazzo San Tommaso di Piazza del Lino, 2 – Pavia
Quando: lunedì 10 dicembre 2007, ore 16.30
 
 
Pavia, 04/12/2007 (6154)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool