Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 2 luglio 2020 (970) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Squali, predatori perfetti"
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Oltre lo sguardo
» Looking for Monna Lisa
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Carnevale al Museo della Storia
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Squali, predatori perfetti"
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» La Storia organaria di Pavia
» Postazione 23
» Il "Duchetto" di Pavia
» Libri al Fraccaro
» La cospirazione dei tarli
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 6210 del 21 dicembre 2007 (2621) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Charlot, l'immortale
Il logo disegnato da Andrea Valente per la mostra
Nella notte di Natale dell'anno 1977 Mr. Charles Spencer Chaplin moriva e Charlot diventava Immortale”. Così si legge nella prefazione del catalogo Charlot, l’immortale, a firma di Antonio Sacchi, dirigente del Settore Beni e Attività Culturali della Provincia di Pavia, nonché presidente della Fondazione Teatro Fraschini, presso i cui locali, questa mattina, è stata inaugurata l’omonima mostra fotografica e bibliografica.
 
Voluta dell’Ente, e realizzata, in collaborazione con il Teatro, grazie ai materiali della Biblioteca Cinema Davide Turconi” della Provincia e dell’Università di Pavia (scelti da Angela Gramegna dell’ufficio Attività Cinematografiche), l’esposizione vuole essere un omaggio al grande autore e attore dell’epoca d’oro del cinema muto.
 
Con questa mostra e, soprattutto, con il catalogo che l'accompagna – ha dichiarato l’assessore provinciale alla Cultura Marco Facchinotti in sede di presentazione – vogliamo portare l'attenzione del pubblico - quello adulto che già conosce e quello più giovane e giovanissimo che può addirittura fare una "scoperta" - su quello che riteniamo essere il senso autentico dell'arte di Charlie Chaplin: il sentimento della vita, intesa come destino nel quale c'è la compresenza del comico e del tragico.
Da ragazzini vivevamo alcuni suoi corti come momenti di divertimento, i quali però nascondevano forti messaggi che abbiamo imparato ad apprezzare solo da adulti. Eroe della “povera gente” dalla grande capacità mimica, era il paladino che affrontava i problemi quotidiani, che dipingeva la dura vita di chi lavorava in fabbrica e si scontrava con l’arroganza dei prepotenti”.
 
Egli stesso diceva: «Ridere è il tonico, il sollievo, la liberazione dal dolore». E Chaplin è l'attore che ha fatto ridere più gente di quanta non ne abbia fatta ridere nessun'altra persona al mondo.
La sua arte ha indiscutibilmente attratto generazioni diverse, ha affascinato strati sociali differenti, ha conquistato popolazioni lontane…
 
E la prova di questo è lì da vedere. Ai dieci pannelli illustrativi sistemati nel ridotto del teatro, si affiancano otto teche allestite nel foyer. Qui i visitatori potranno ammirare locandine, fogli musicali, libri e stralci di giornali scritti in ceco, polacco, spagnolo, portoghese e perfino in giapponese.
Il volume più datato risale al 1927, il più curioso riporta una foto che ritrae Chaplin con Ghandi, mentre quello che probabilmente è il più prezioso ha un suo autoritratto a schizzo, con tanto di autografo, sulla seconda di copertina.
Tra le curiosità anche un “Bollettino per Biblioteche” edito dalla Provincia nel marzo del ’78, poco dopo la morte di quell’“omino” dalle mille sfumature.
 
L’inaugurazione è stata sottolineata dall’esecuzione al pianoforte di Paola Barbieri, che con le note tratte delle più celebri colonne sonore dei film di Charlot, ha dato vita alle immagini esposte: scatti tratti dai set delle pellicole degli esordi – come Charlot e le salsicce, Charlot giornalista (anche noto come “Per guadagnarsi la vita”), Charlot e il parapioggia, Charlot emigrante, Charlot avventuriero e Charlot soldato fino a “Il monello” il primo lungometraggio ufficiale (con il divo bambino Jackie Coogan, che in età adulta ha vestito i panni dello Zio Fester di Casa Addams) –  e dei film che lo resero celebre come “Tempi moderni” (1936), angosciante visione dell’alienante epoca moderna, con occasionali effetti sonori ma senza dialoghi; “Monsieur Verdoux” (1947), cortese ex bancario parigino che dopo il crollo delle borse nel 1929 si dà alla poligamia per sopravvivere, e “Luci della ribalta” (1952), considerato il suo testamento artistico.
 
Molte scolaresche hanno già prenotato una visita guidata alla mostra (le date disponibili sono l’11, il 15 e il 23 gennaio), mentre il pubblico, oltre alla normale apertura, potrà apprezzarla in orario straordinario in occasione dei numerosi spettacoli previsti dal cartellone di gennaio del Fraschini.
 
 Informazioni 
Dove: Teatro Fraschini, C.so Strada Nuova – Pavia
Quando: fino al 26 gennaio 2008, dal lunedì al sabato: 11.00-13.00 / 17.00-19.00.
Per informazioni e prenotazioni: tel. 0382/597425
 

Sara Pezzati

Pavia, 21/12/2007 (6210)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool