Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 3 dicembre 2020 (690) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Passeggiata cinofila notturna
» Passeggiata naturalistica a San Ponzo
» Festa del Parco a Casei Gerola
» Erbe dalla natura al piatto
» Il Sentiero delle Fontane... con pic-nic tipico
» Sulla Via delle Farfalle
» A caccia di tartufi
» A spasso tra fossili, sedimenti e rocce
» A cena con le lucciole
» Bosco in festa!
» L’arte di essere un genitore… A contatto
» Ciclo-staffetta tra i parchi del Ticino e del Po
» Una giornata da trapper!
» Bioscambio
» La notte degli allocchi e dei profumi
» Ancora a Caccia di Uova…
» Q di…quercia!
» Terre d’acqua, scrigno di vita
» Il bosco e i suoi abitanti al chiar di luna
» Luna di ghiaccio

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Biodiversità degli animali
» Riabitare l'Italia & Appennino atto d'amore
» Festa dell'Albero 2019
» Lotte biologica, l'importanza dell'impollinazione da parte delle api
» Come moltiplicare le piante in casa: tecniche e consigli
» Corso sulla biodiversità urbana
» Passeggiata naturalistica
» Corso base di acquarello naturalistico
» La Margherita di Adele
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» BiodiverCittà - passeggiata al Parco della Sora
» Biodivercittà - passeggiata al Parco della Vernavola
 
Pagina inziale » Ambiente » Articolo n. 6320 del 5 febbraio 2008 (2650) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Anello del Monte Lesima
Anello del Monte Lesima
Più che un’escursione “nel verde”, come vorrebbe il titolo di questa rubrica, quella fissata per domenica nel calendario del Gruppo Escursionistico Appennino di Pavia sarà una gita “nel bianco”, ovvero una passeggiata sulla neve con ciaspole.
 
Questa volta i camminatori pavesi resteranno nel nostro territorio, esplorando la vetta più elevata della provincia: il monte Lesima, che con i suoi 1724 metri rappresenta una delle vette più alte dell'Appennino Ligure oltre che l'estrema punta meridionale della Lombardia. Riconoscibile da ogni parte per il radiofaro utilizzato per la navigazione aerea, posto proprio sulla sua cima, il Lesima segna, infatti, il confine tra le province di Piacenza e Pavia.
 
La leggenda vuole che nel 218 a.C. il condottiero cartaginese Annibale, accampatosi con i suoi uomini nella valle della Trebbia per battere i Romani attraversando Alpi e Appennini, mentre si arrampicava su questa altura, per osservare i movimenti delle truppe, si ferì una mano… A questo fatto si fa risalire il toponimo Lesima, che deriverebbe quindi da lesa manus (lesa mano).
 
Per gli amanti del trekking, il monte Lesima si può raggiungere dai sentieri che partono dalle località di Zerba (PC) in val Boreca, o Rovaiolo Vecchio (PV); per chi preferisse una più comoda, ma meno appagante, passeggiata è possibile percorrere a piedi la strada privata che collega la carrozzabile “passo del Giovà-passo del Brallo” alla sua cima, da cui, quasi superfluo sottolinearlo, si gode un’ampia panoramica su Oltrepò, Pianura Padana e sulle Alpi. Coperta dai vicini monti  Carmo e Cavalmurone, la vista sulla Riviera Ligure.
 
I camminatori del Gea percorreranno l’anello del Monte Lesima, che partendo da Piano di Prodonico, raggiunge prima i Piani e poi la vetta del Monte Lesima, per poi ridiscendere, toccando le pendici del Monte Tartago e i Passi Ritorta e La Colla, a Piano Prodonico (1250 metri).
 
Rosalia alpinaCuriosità ambientali: se pur ammantate dalla neve, saranno riconoscibili le faggete di alta quota e la fascia di querceti sottostante dominata da Roverella, Rovere, Castagno e Carpino nero.
Per quanto concerne la fauna, le segnalazioni più “suggestive” riguardano senz’altro gli avvistamenti di alcuni esemplari di Lupo, provenienti dall’Appennino centrale forse per ricolonizzare un territorio storicamente popolato dalla loro specie, e di Aquila reale, probabilmente nidificante. Di interesse prioritario per i naturalisti è, invece, la presenza del coleottero Rosalia alpina.
 
 Informazioni 
Dove: ritrovo c/o piazzale della Stazione - Pavia
Quando: domenica 10 febbraio 2008, ritrovo ore 7.15, partenza 7.30
Partecipazione: non sono ammesse persone non assicurate contro infortuni
Per informazioni e iscrizioni:
al venerdì sera c/o Consiglio Circoscrizionale Pavia Storica, Piazza della Vittoria, 21 - Pavia
Tel: 338/4746754 (Giuseppe Pireddu, presidente del GEA)

 

La Redazione

Pavia, 05/02/2008 (6320)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool