Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 14 agosto 2020 (916) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Squali, predatori perfetti"
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Oltre lo sguardo
» Looking for Monna Lisa
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» Torna a Pavia il Mercatino del Ri-Uso
» Visita gratuita ai luoghi di San Riccardo Pampuri
» Un sabato al Museo per la Storia dell'Università
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Natale in museo per bambini
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Lo sguardo di Maria
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 6372 del 19 febbraio 2008 (2311) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Dal quaderno del cauto osservatore...
Particolare della locandina della mostra
A San Genesio, in occasione dell’anniversario della Battaglia di Pavia sarà proposta, nel fine settimana, una mostra dell’ illustratore pavese, Marco Giusfredi, che amplia la sua ormai quinquennale ricerca raccolta sotto il titolo "A Proposito della Condizione Umana: tavole a china, pastello e acquerello".
 
Già nel settembre del 2007, in Santa Maria Gualtieri a Pavia, erano state presentate al pubblico le cartelle "Reperti dall'immaginaria Biblioteca di KLN.DA.AR" e "Rivisitazione di alcuni miti egei"; ora,  
nella caratteristica e magistralmente restaurata sede di Cà de’ Passeri, saranno esposte una trentina di tavole, nelle quali l'artista rivisita (in maniera personale e forse da altri ancora non esplorata) la cronologia della Battaglia di Pavia e le figure di alcuni suoi protagonisti.
 
Il titolo della mostra è: “Dal quaderno del cauto osservatore della battaglia di Pavia” altrimenti detta "Dev'essere finita: non passa più nessuno".
 
La chiave di lettura proposta da Marco Giusfredi è quella del contadino pavese che vede scorrere le cose e cerca di uscirne con il minimo danno possibile, pur vivendo curioso della natura umana, dei meccanismi del branco e del "giro del fumo": sfidando il rigore della lettura storica, la forma e le parole dei narratori ufficiali, viene proposto quello che l'uomo pensa di sé stesso, dei ruoli e delle procedure.
La tecnica di realizzazione delle opere è particolarmente originale: l'artista riunisce l'uso dell'inchiostro di china, dell'acquerello e del pastello in una sintesi che fonde insieme disegno, testo e colore.
 
La mostra, patrocinata dal locale Comune e dalla Provincia di Pavia, è stata resa possibile grazie alla collaborazione con il Bracho – Gruppo Storico del Parco Visconteo e Centro Studi sul Parco Visconteo e la Battaglia di Pavia – e il suo Presidente, lo storico pavese Marco Galandra, e all'interessamento dell'Amministrazione Comunale di San Genesio – sede di parte del territorio di quella che si può considerare "la Battaglia" per antonomasia (forse l'ultima dell'epopea cavalleresca) –, nella persona del sindaco Roberto Mura, un appassionato di tutto quanto ruota intorno all'evento: dalla ricerca storica, ai documenti d'epoca, alla Grande Ricostruzione in costume che ogni due anni ai primi di settembre coinvolge il vicino Capoluogo, ai collegamenti con gli altri Centri europei (leggi Mindelheim, patria del Frundsberg, condottiero dei Lanzichenecchi).
 
Quest’anno, la ricorrenza della battaglia cade di domenica e, coincidenza vuole – ricorda il sindaco Mura –, che la domenica in questione sia anche l’ultima del mese, cioè quella in cui solitamente viene aperta al pubblico l’esposizione permanente dedicata alla Battaglia di Pavia allestita nelle sale adiacenti a quella della mostra (Sala del Consiglio)”.
 
 Informazioni 
Dove: Sede Comunale, località Cà de’ Passeri – San Genesio ed Uniti
Quando: la mostra sarà visitabile sabato 23 febbraio, dalle 17.00 alle 19.30, e domenica 24 febbraio 2008, dalle 9.30 alle 12.45 e dalle 15.00 alle 19.30.

 
 
Pavia, 19/02/2008 (6372)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool