Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 20 ottobre 2020 (946) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Il Mio Film. III edizione
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Incontro al Caffè Teatro
» Carnevale al Museo della Storia
» Nel nome del Dio Web
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» La Principessa Capriccio
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» Francesca Dego in concerto
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Gran Consiglio (Mussolini)
» Christian Meyer Show
» La Storia organaria di Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 6931 del 25 agosto 2008 (1954) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Canti 'ricostituenti'
Canti 'ricostituenti'
Piero Carcano e Gianni Rota dei Cantosociale presentano Canti Ricostituenti, 60 anni di canti, poesie e musiche dalla Resistenza a oggi, ricordando passioni e civili sentimenti per dare all’Italia una Sana e Robusta Costituzione.
 
Uno spettacolo appositamente pensato per ricordare la nostra Repubblica Italiana raccontando qua e là storie e soprattutto cantando di lavoro, diritti, pace, libertà, giustizia, tolleranza… Valori fondanti della nostra Costituzione, la legge fondante del nostro Paese, nell’anniversario del sessantesimo.
Una storia raccontata e cantata dal punto di vista della gente comune fatta di movimenti civili, lotte alle ingiustizie, alle mafie; di speranze e talvolta disillusioni.
 
Poesie, monologhi e canzoni a risvegliare memorie e collettive passioni, rabbie e gioie da condividere nel comune sentimento popolare del nostro Paese. Naturalmente si fa anche festa, con balli tradizionali (come polche e mazurche), ma non mancano anche atmosfere dal sapore di rock e di blues, insomma la tradizione in transizione a testimoniare una forte civile passione e il rispetto per le storie e la cultura popolare.
 
Piccole grandi storie personali, i canti e le musiche di un repertorio che proviene “dal basso” e che viene affiancato dai versi della più alta cultura letteraria civile.
 
I valori della Repubblica Italiana: la pace, il lavoro, la giustizia, sono ben rappresentati nei canti della Resistenza, nelle canzoni della protesta da quella di fine Ottocento (anarchica, libertaria…) a quelle contro il Duce e il Re fino ad arrivare a quelle della protesta sociale degli anni 60/70 e alle contraddizioni , alle problematiche della società dagli anni ‘80 ai nostri giorni.
 
Gli omaggi vanno a quei musicisti e cantori delle diverse epopee sociali: dal Nuovo Canzoniere Italiano ai Cantacronache, da Fausto Amodei a Ivan Della Mea… da sempre al centro degli interessi dei Cantosociale, che ne hanno curato gli arrangiamenti senza far loro perdere l’originaria valenza espressiva e melodica.
Tra le diverse canzoni, si inseriscono quindi i versi di poeti particolarmente legati al mondo popolare per sottolinearne maggiormente gli spunti di riflessione sociale (Fortini, Pasolini, Rodari, Calvino...).
Di particolare rilevanza culturale e storica sono i brani inediti frutto di ricerche del gruppo e delle collaborazioni con gli amici storici oralisti dell’Istituto E. De Martino di Sesto Fiorentino: Bruno Cartosio, Cesare Bermani e i professori lomellini Marco Savini e Maria Antonietta Arrigoni.
 
Una nuova veste acustica senza stravolgimenti ha accompagnato il recupero di canti della tradizione contadina e operaia diretta espressione del duro quotidiano rapporto con la storia fatta spesso di fatica, fame, emigrazione sopportata con forza così come forte era la lotta, la rabbia negli scioperi, il dolore verso le ingiustizie, la mafia ma anche l’orgoglio dell’appartenenza e poi la gioia collettiva per le conquiste ottenute.
Anche le storie raccolte nelle interviste dagli anziani raccontatori, oltre a dare spunti per i monologhi sono spesso diventate occasioni per nuove composizioni del gruppo; così come i testi di alcune canzoni partigiane dell’Oltrepò pavese, dell’Ossola, dell’Appennino Ligure mancanti della musica, recuperate sono state rivitalizzate con l’aggiunta di musiche originali.
 
A completare il repertorio dello spettacolo saranno le canzoni originali dei Cantosociale a testimoniare con sentimento e ironia il nostro tempo, fatto di crisi e rinascite di ideali, contraddizioni, repentine trasformazioni politico-sociali… in poche parole "giorni spesso svuotati di valori , gonfiati di estrogeni e atrazina, ma per fortuna qua e la infiammati da ritrovate passioni civili".
 
 Informazioni 
Dove: Parco in Frazione Piccolini - Vigevano
Quando: sabato 30 agosto 2008, ore 21.30
 
 
Pavia, 25/08/2008 (6931)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool