Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 20 gennaio 2021 (386) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» 14^ Scarpadoro - via alle iscrizioni!
» BirrArt 2019
» Torre in Festa
» Festival dei Diritti 2019
» Ticino EcoMarathon
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» “Barocco è il mondo” Sbarco Sulla Luna
» Non solo Cupola Arnaboldi – Pavia fa!
» Festa del Ticino 2019
» Scarpadoro di Capodanno
» Giornata del Laureato
» Africando
» Palio del Ticino
» BambInFestival 2019
» Festa del Roseto
» RisvegliAmo la Relazione: Io e l'Ambiente – II edizione
» Festa di Primavera: Mostra dei Pelargoni
» Next Vintage

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Torna a Pavia il Mercatino del Ri-Uso
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» Visita gratuita ai luoghi di San Riccardo Pampuri
» Un sabato al Museo per la Storia dell'Università
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Natale in museo per bambini
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» Lo sguardo di Maria
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 6988 del 8 settembre 2008 (3322) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
26° Palio d'la Ciaraméla
26° Palio d'la Ciaraméla
Cinque i giorni di festa, dieci i rioni in gara e ventisei le edizioni del rinomato Palio medese.
 
Il Palio d'la Ciaraméla è nato da un’idea dal Centro Culturale G. Amisani, nella persona di Giuseppe Masinari, che ha fortemente desiderato far rivivere gli usi e i costumi degli abitanti che popolavano questo territorio tra la fine dell’‘800 e i primi del ‘900. La sua prima edizione è datata 1980 e, da allora, ogni seconda domenica di settembre Mede riscopre, con questa manifestazione ricca di storia e di folclore, le tradizioni della civiltà contadina.
 
L’evento solitamente propone balli sull'aia e musica dal vivo, esposizioni di foto e oggetti d'epoca, mercatini e una sfilata storica in costume che porta, cavalli, carrozze e buoi lungo le vie del paese. Il tutto ruota però attorno al popolare gioco della “lippa”, che un tempo animava le aie delle cascine e le piazze dell'abitato, al quale si sfideranno i rappresentanti dei rioni: “La Roca Bianca” (il nucleo più antico di Mede), “Piasa Giaratta” (la piazza centrale) Al Busch (un tempo uno stretto viottolo di campagna, segnato da una siepe), Al Cruson (in ricordo una antichissima croce di legno qui collocata dopo una pestilenza), Al Gab (un tempo era campagna delimitata da gelsi capitozzati), Al Marcanton (quartiere malfamato, nato ai tempi della dominazione spagnola, poi nobilitato dall'artigianato dei fornai che vi si stabilirono), Al Pasquà (zona dell'antico pascolo), J'Angial(dall’'antica chiesa degli Angeli) San Banardin (in omaggio a un'antica edicola in quel tempo in mezzo ai campi dedicata a san Bernardo, frate che avviò l'opera di bonifica di questa terra) e San Roc (santo popolare come il quartiere che ospita la sua chiesetta).
 
Ma veniamo al gioco, che per essere disputato necessita di una ciaramela, corto bastone di legno appuntito alle estremità (18 cm di lunghezza 3 di diametro), un bac un bastone più lungo (50 cm di lunghezza e 3,5 o 4 di diametro) usato come mazza per colpire il primo, di un capè, un comune cappello con visiera, e di una 1a base di partenza del gioco, che strizza l’occhio al baseball.
 
Si fronteggiano due giocatori per volta, uno, tenendo in mano la ciaramela per una delle due punte, la colpisce con il bac gridando ciapla’ in tal cape all’altro, che cercherà di riceverla nel cappello senza toccarla con le mani. E se la ciaramela entra nel perimetro della , il battitore viene eliminato.
Le regole per i cambi alla battuta e l’ottenimento dei punteggi in base alle distanze dichiarate (coperte con i vari lanci) sono molto precise, e molto più complicate da spiegare in poche righe di quanto non risulti seguire il suggestivo gioco di persona… Come sempre sarà comunque il rione che avrà conquistato più punti ad aggiudicarsi l’ambito palio.
 
Con qualche variante il gioco viene proposto anche ai più piccini che giovedì sera si contenderanno il “Palio dei Ragazzi”.
Venerdì sera, invece, si balla in P.zza Repubblica con il concerto “Festa italiana”, mentre per sabato è prevista l’inaugurazione della mostra dedicata all’‘800 al Castello Sangiuliani.
Domenica, giornata clou della manifestazione, sarà infine caratterizzata dalle degustazioni di piatti tipici lomellini, dalla sfilata “Usi e costumi Mede tra il 1880 e il 1930” dalla disputa del Palio e dal gran finale con fuochi d’artificio.
 
 Informazioni 
Dove: Mede
Quando: dal 10 al 14 settembre 2008
Per informazioni: Tel. 0384/820283 (Comune)
Sul sito ufficiale della manifestazione è pubblicato il programma completo

 

Sara Pezzati

Pavia, 08/09/2008 (6988)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool