Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 31 maggio 2020 (1108) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Macadam: Latitudine incrociate
» Fabrizio Poggi & Chicken Mambo: Spaghetti Juke Joint
» Nat Soul Band: Not so bad
» Far Out
» Ho sbagliato secolo
» Blues, Blues e ancora Blues
» Shag’s Airport
» Accordiamoci
» Il leone nell’Arena
» Francesco Garolfi: Un posto nel mondo
» Alberto Tava: il nuovo disco Mediterraneo
» Il matrimonio che vorrei: da oggi a Pavia
» Reality: ma quando ANCHE a Pavia?
» Magic Mike: quando è lui a spogliarsi...
» Il rosso e il blu: scuola italiana...
» Giorgia, che sorpresa!
» I Beach Boys in Italia: c’ero anch’io!
» Il ritorno dell'uomo armonica
» Wanna Be Startin’ Somethin’. Thriller rivisitato
» Un disco tutto pavese per Woody Guthrie

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 7472 del 12 febbraio 2009 (2187) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
The Rude Mood III
The Rude Mood III
Mi è stato consegnato, fresco di stampa, mercoledì notte e adesso (è ormai Giovedì) alle due di notte (o del mattino, se preferite) ne sto scrivendo la recensione.
Quale ora è più propizia per parlare di Blues di questa in cui tutto tace e la musica, quando c’è, la fa da padrona?
Ed è grande blues quello che sgorga dal nuovo CD dei Rude Mood.
 
Mi è già capitato di spiegarvi la mia concezione di Blues come radice fondamentale di tutta la musica; concetto che cerco di portare in giro con i TamboGnola Sconnection ma che, in maniera più radicale, Paolo Terlingo e Andrea “Slim” Sacchi portano con pervicacia alle estreme conseguenze, dimostrando come sia possibile fare dell’ottimo e vero Blues anche sulle rive del Ticino.
Chiamato semplicemente Rude Mood III, questo nuovo lavoro chiude il cerchio della ricerca che i due avevano intrapreso in maniera autonoma e poi applicato al rock-blues del gruppo che, adesso, ne esce maturo e convinto della svolta.
 
I suoni sono decisamente più “roots”, i ritmi più elementari ma più consoni al sentiero che stanno percorrendo, il Basna è più pacato e il suo groove scivola fluido mentre William non se la prende più con il suo strumento, avendo scoperto che con le carezze, a volte, si ottiene di più. Stupisce il blue mood del giovane pianista Alessandro Bernini mentre Paolo e Slim non fanno che confermare l’ottimo livello espressivo che hanno ormai raggiunto.
Due ospiti inattesi: Paolo Bonfanti, che si alterna all’acustico di Paolo con un solo elettrico, e una Dora Marchi (Dio la benedica) che finalmente mi fa riprovare le emozioni di un tempo, riuscendo a coniugare grinta e sensualità in Just Like You, ricordando che (quando vuole) è una grande cantante di blues.
 
Il brano che secondo me “quaglia” la situazione, risultando un perfetto esempio di quello che sono adesso i Rude Mood è Slim Lonesome Blues: un brano degno del migliore John Mayall.
 
Non vi resta che ascoltarlo: ve lo consiglio caldamente.
 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 12/02/2009 (7472)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool