Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 26 novembre 2020 (359) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Rimedi verdi per il raffreddore
» Il taràssaco
» Il basilico
» Il papavero
» La camomilla
» La primula
» L'edera
» Il Melograno
» La malva
» L'ortica
» Le castagne
» La menta
» La lavanda
» La salvia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Biodiversità degli animali
» Riabitare l'Italia & Appennino atto d'amore
» Festa dell'Albero 2019
» Lotte biologica, l'importanza dell'impollinazione da parte delle api
» Come moltiplicare le piante in casa: tecniche e consigli
» Corso sulla biodiversità urbana
» Passeggiata naturalistica
» Corso base di acquarello naturalistico
» La Margherita di Adele
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» BiodiverCittà - passeggiata al Parco della Sora
» Biodivercittà - passeggiata al Parco della Vernavola
 
Pagina inziale » Ambiente » Articolo n. 752 del 20 settembre 2001 (2357) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Le more
Le more

Non so per voi, ma per me era un piacere, quando da bambina, in campagna, munita di cestino andavo con mia sorella a raccogliere more! Dire raccogliere, non era propriamente vero... ad essere onesti andavamo a mangiare more, portando a casa solo quello che restava dopo il nostro dolce banchetto!!

Può sembrare strano, ma la mora oltre ad essere buona, ricca di vitamina C, gustosa, è anche un valido aiuto contro piccoli disturbi: per esempio le foglie sono fortemente astringenti e possono combattere la diarrea, al contrario la polpa del frutto, presa nelle giuste dosi, è efficace per combattere momenti di stitichezza.

Ma non solo, per chi soffre di diabete, consigliamo di mettere 10 g di foglie in 500 ml di acqua bollente per 15 minuti e di berne due tazze al giorno lontano dai pasti.

Contro ferite, piaghe, infiammazioni della pelle, invece, preparate un decotto facendo bollire 30 g di foglie in un litro di acqua per una decina di minuti, quindi effettuate lavaggi ed impacchi nelle zone interessate.

Per alleviare infiammazioni alla gola, della bocca, gengiviti e tonsilliti, fate bollire 50 g di foglie fresche in 500 ml di acqua per 20 minuti, effettuate ripetutamente sciacqui e gargarismi.

Soprattutto le more sono un frutto da mangiare: ottime per la preparazione di marmellate, liquori, sciroppi, gelatine, e crostate, mentre le foglie, essiccate, possono essere impiegate nella preparazione di tè.

 
 Informazioni 
 

Delia Giribaldi

Pavia, 20/09/2001 (752)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool