Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 26 ottobre 2021 (263) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Squali, predatori perfetti"
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Oltre lo sguardo
» Looking for Monna Lisa
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Lectio magistralis di Vittorio Sgarbi
» Scienziati in prova
» Notte dei Ricercatori - Settimana della Scienza
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Porte Aperte
» Giornata del Laureato
» Bloomsday
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Pila di Volta
» Paolo Gentiloni, Roberto Maroni e Ferruccio de Bortoli a Pavia
» Viaggio nel lato oscuro dell'universo
» Scienziati in Prova
» SHARPER: il volto umano della ricerca
» Fiera delle Organizzazioni Non Governative e della Società Civile
» Giornata del Laureato
 
Pagina inziale » Università » Articolo n. 7672 del 10 aprile 2009 (3798) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Il contagio vivo
Il contagio vivo
Il contagio vivo” è la mostra che il Museo della Tecnica elettrica dell’Università di Pavia dedica ad “Agostino Bassi nella storia della bachicoltura”.
 
Quella curata da Clementina Rovati, direttore del Museo di Storia Naturale dell’Ateneo pavese, è una mostra in cui le scienze naturali si intersecano con la medicina, grazie all’intrecciarsi della storia del baco da seta con una delle scoperte che hanno gettato le basi della moderna patologia: il contagio vivo, appunto.
 
La mostra, ricca di connotazioni storiche, scientifiche e artistiche, è imperniata sulla figura di Agostino Bassi, protagonista a Pavia alla fine del 1700 di quella felice stagione di rinnovamento che gli Asburgo affidarono a maestri eccellenti come Scarpa, Volta e Spallanzani.
 
Articolata in due sezioni principali, l’esposizione illustra la biologia del baco da seta e il suo sviluppo. Si parte dagli studi sulla biologia del baco da seta compiuti a Pavia da Angelo Maestri, medico ortopedico e preparatore del Museo di Storia Naturale, che si tradussero in una serie di modelli in cera da lui realizzati per illustrare le varie fasi di sviluppo del baco e delle sue malattie, con particolare riguardo al “mal del calcino”, che si manifestava con la comparsa di visibili macchie sul corpo della larva morente che poi si copriva di una polvere bianca simile alla calce.
Queste opere, racchiuse in una decina di quadri in mostra, sono di straordinaria bellezza e rappresentano l’espressione visiva dell’arte in applicazione alla scienza.
 
A scoprire la causa del “mal del calcino” fu Agostino Bassi: la seconda sezione della mostra illustra la figura di questo pioniere della microbiologia.
 
Dottore in legge presso la nostra università nel 1798, Agostino Bassi era stato allievo del Collegio Ghislieri e studente di Lazzaro Spallanzani e di Rasori, data la sua grande passione per la storia naturale. Dopo pochi anni dal conseguimento della laurea, impedito a esercitare la sua professione da un’affezione oculare, Bassi si ritirò nelle sue proprietà terriere del Lodigiano, impegnandosi a sviluppare esperimenti zootecnici, agronomici e naturalistici. Nel 1807 diede inizio a una serie di prove sperimentali volte a spiegare le cause del “mal del segno” o “mal del calcino”, la devastante malattia che poteva portare a distruzione interi allevamenti. Convinto che la malattia nascesse spontaneamente nel corpo dell’animale sotto l’influenza di fattori ambientali, quali lo stato dell’aria o elementi nutritivi alterati, si impegnò in una serie di infiniti esperimenti e osservazioni durati quasi trent’anni, giungendo infine alla conclusione che il responsabile della malattia era un fungo parassita, una specie nuova a cui Giuseppe Balsamo Crivelli, che lo studiò dal punto di vista sistematico, attribuì il nome di Botrytis bassiana in onore dello scopritore. Bassi scoprì inoltre che il morbo si riproduceva con il riprodursi del fungo, una scoperta di notevole importanza perché la dinamica di propagazione del “mal del segno” poteva rispecchiare quella dei contagi e le conclusioni sperimentali ottenute da questa malattia potevano avere una valenza generale. Riprendendo i suoi studi Bassi giunse ad affermare che tutti i contagi sono prodotti da organismi viventi che si possono trasmettere da un individuo all’altro e qui crescere e riprodursi; applicò questi concetti anche a malattie umane, sostenendo ad esempio la natura infettiva e contagiosa del colera asiatico e la presenza di microrganismi.
La sua fu un’autentica rivoluzione scientifica perché diede origine all’idea forse più influente nella storia della medicina, la teoria microbiologica delle malattie infettive, il presupposto indispensabile per i progressi della terapia antibatterica e dell’antisepsi che hanno cambiato il volto alla geografia demografica dell’umanità. Inserendosi proprio lungo questa prospettiva operativa, Bassi non si limitò a sviluppare teoricamente le sue idee ma cercò anche di applicarle con suggerimenti concreti volti a debellare il calcino e proponendo quelle misure antisettiche che consentivano di distruggere i microrganismi e che potevano avere adozione pratica negli ospedali.
 
Lungo il percorso espositivo sarà illustrata la biologia del baco da seta, il suo sviluppo e le tecniche di allevamento con riferimenti alla storia della bachicoltura e alla sua rilevanza anche nel territorio pavese.
In collaborazione con l'Unità di Ricerca di Api-bachicoltura, sede di Padova, sarà inoltre possibile osservare dal vivo un esempio di bachicoltura mediante l’allevamento del bombice del gelso nei successivi stadi del suo ciclo biologico.
 
 Informazioni 
Dove: Sala mostre Museo della Tecnica Elettrica di via Ferrata, 3 (località Cravino) - Pavia
Quando: (inaugurazione giovedì 16 aprile alle ore 16.00) dal 17 aprile al 4 giugno 2009; nei seguenti orari: lun. – sab.: 9.00-13.00 / 14.00-18.00; dom. e festivi: 10.00-19.00
Per informazioni e prenotazioni: tel. 0382/986308, e-mail: centro.museo@unipv.it

 
 
Pavia, 10/04/2009 (7672)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool