Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 13 aprile 2021 (426) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Passeggiata cinofila notturna
» Passeggiata naturalistica a San Ponzo
» Festa del Parco a Casei Gerola
» Erbe dalla natura al piatto
» Il Sentiero delle Fontane... con pic-nic tipico
» Sulla Via delle Farfalle
» A caccia di tartufi
» A spasso tra fossili, sedimenti e rocce
» A cena con le lucciole
» Bosco in festa!
» L’arte di essere un genitore… A contatto
» Ciclo-staffetta tra i parchi del Ticino e del Po
» Una giornata da trapper!
» Bioscambio
» La notte degli allocchi e dei profumi
» Ancora a Caccia di Uova…
» Q di…quercia!
» Terre d’acqua, scrigno di vita
» Luna di ghiaccio
» Il bosco e i suoi abitanti al chiar di luna

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Torna a Pavia il Mercatino del Ri-Uso
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» Visita gratuita ai luoghi di San Riccardo Pampuri
» Un sabato al Museo per la Storia dell'Università
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Natale in museo per bambini
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» Lo sguardo di Maria
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 7758 del 5 maggio 2009 (3951) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Dalla vecchia ferrovia alle Grotte di San Ponzo
Dalla vecchia ferrovia alle Grotte di San Ponzo
Per circa trentacinque anni, dagli inizi degli anni ‘30 fino alla metà degli anni ‘60, ai margini della pianura, correva un trenino che da Voghera a Varzi, percorrendo tutta la Valle Staffora, effettuava una decina di fermate. Serviva per i pendolari diretti dalla Valle verso Voghera o Milano e i turisti che nei week-end o nel periodo estivo volevano raggiungere l’alta Valle Staffora: la decisione di realizzare una ferrovia era stata presa con l’intento di offrire nuovi collegamenti tra la montagna e la pianura e anche per far fronte all’ormai crescente industrializzazione dei centri metropolitani…
 
L’ex ferrovia Voghera-Varzi sarà interessata dall’escursione di 9 chilometri proposta per domenica prossima dell’associazione La Pietra Verde.
Dal paese di Ponte Nizza, si seguirà, infatti, per circa 1 km in direzione Varzi, il vecchio tracciato ferroviario. Dopo circa 30 minuti di cammino dal paese, si arriverà alla piccola località di San Ponzo Semola: dall’antica chiesa si attraverserà tutto il caratteristico paese costruito completamente in pietra (la roccia usata è l’arenaria, ovvero sabbia cementata in milioni di anni, estratta proprio dal Rio Semola che costeggia in parte il sentiero che seguiranno i partecipanti).
 
Per circa 3 chilometri si percorrerà una strada inghiaiata che conduce alle Grotte di San Ponzo (580 metri s.l.m.). Questi anfratti, scavati nei milioni di anni dalle infiltrazioni dell’acqua, hanno formato alcune cavità di notevoli dimensioni, permettendo addirittura la costruzione di una piccola chiesetta all’interno di una delle grotte, luogo tra i boschi dove il Santo scelse di vivere come eremita.
 
Il percorso proseguirà, spesso accompagnato da muri a secco (utilizzati un tempo per delimitare i confini di proprietà) e, lasciandosi alle spalle splendidi boschi di castagno, scenderà rapidamente conducendo i camminatori nei pressi di Bagnaria, dove, attraversato il ponte sul torrente Staffora, si incrocerà nuovamente il vecchio tracciato ferroviario che conduce, in direzione Nord, di nuovo verso Ponte Nizza, meta conclusiva dell’escursione.
 
I boschi che circondano tutta la zona, sono tra i più belli di tutto l’Oltrepò. Qui si possono osservare castagni secolari, di grandi dimensioni e di età approssimativa attorno ai 500 anni, e numerose impronte di cinghiale sul terreno. Anche faina, scoiattolo, volpe, tasso e capriolo, seppur molto difficili da osservare direttamente, lasciano svariate tracce che testimoniano la loro presenza, mentre è più facile vedere, o ascoltarne i canti ed i richiami, il picchio (rosso maggiore, rosso minore e verde), lo sparviero e la poiana, il fringuello e quattro specie di cince (cinciarella, cinciallegra, cincia bigia e cincia mora), solo per citarne alcuni.
Le grotte sono costituite dalle arenarie del Monte Vallassa, rocce deposte in milioni di anni che rappresentano un libro da sfogliare e scoprire: si possono osservare i depositi e i fossili lasciati dal mare.
 
Organizzata in collaborazione con Provincia di Pavia – Assessorato Turismo e Attività Termali, Legambiente, Comuni di Val di Nizza, Ponte Nizza, Bagnaria, Associazione Amici di Poggio Ferrato e Museo di Scienze Naturali di Voghera, l’escursione rientra nell’ambito della manifestazione “Voler bene all’Italia”.
 
 Informazioni 
Dove: ritrovo a Ponte Nizza presso la piazza principale del paese.
Quando: domenica 10 maggio 2009, ore 9.30 (rientro previsto per le 16.30)
Per informazioni: tel. 338/5291405
 

La Redazione

Pavia, 05/05/2009 (7758)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool