Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 26 gennaio 2021 (347) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Giornata Internazionale delle Bambine e delle Ragazze
» Comune che vai, fisco che trovi
» Cyberbullismo: il male sottile
» Cities for Life - Città per la Vita/Città contro la Pena di Morte
» Evviva la Repubblica
» Ecco la carta dei servizi e dei diritti per i Musei di Pavia
» Nasce Radio Local
» Treno Verde 2016
» Pavia ad HappyCube
» Un altro Sanremo alle spalle
» Minerva d'Artista
» Appesi a un filo, ma senza rassegnazione
» I Beatles in edicola
» Madagascar 3: Ricercati in Europa. Ma anche a Pavia...
» Chiusura dei cinema Corallo e Ritz
» InfoMatricole 2012
» Pavia-Innsbruck: un gemellaggio possibile?
» Buio in sala? Prima che i cinema chiudano anche a Pavia
» Una fiaccolata per sensibilizzare sull’autismo
» Oscar 2012!

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» I rischi del bullismo on line, workshop al Borromeo
» Gli sposi e la Casa
» Festival dei Diritti 2019
» Giornata Internazionale delle Bambine e delle Ragazze
» Concorso Il rispetto dell'altro
» Non solo Cupola Arnaboldi – Pavia fa!
» Africando
» Giornata del Naso Rosso
» Pint of Science
» BambInFestival 2019
» Festival della Filantropia
» Sua Maestria
» CineMamme: al cinema con il bebè
» Home
» Uno sguardo sulla congiuntura economica italiana e mondiale
 
Pagina inziale » Oggi si parla di... » Articolo n. 7959 del 3 luglio 2009 (1820) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
C’era una volta una città…
C’era una volta una città…
C’era una volta una città, che si affacciava su di un bel fiume azzurro. Non aveva un clima bellissimo, d’inverno faceva freddo, anche se la nebbia qualche sera (sempre meno invero) la avvolgeva in un’atmosfera sognante e sospesa. L’estate poi, calda, umida, afosa, era davvero un’inferno. La maglietta ti si appiccicava alla pelle e se tentavi di uscire, soprattutto dopo il calare del sole, le zanzare banchettavano felici col tuo sangue, rovinandoti completamente la passeggiata.
 
Con queste premesse potevi pensare che, in un posto così, non fosse facile organizzare, durante la bella stagione, uno spettacolo all’aperto, peggio ancora una serie di spettacoli, meno che mai una “rassegna cinematografica estiva”, con più di trenta proiezioni, quattro alla settimana, nei mesi di giugno, luglio e agosto.
 
Forse una cosa sola era meno pensabile di tutto questo, e cioè dare un tema alla rassegna, un tema assurdo, tipo: “I rapporti umani e la loro crisi (quella vera, non quella “percepita”) nell’epoca contemporanea”.
Sì, va bene. E poi? Distribuiamo anche cilici e gatti a nove code per l’autoflagellazione all’ingresso?
 
No, no, non è finita. Nella rassegna si potrebbero mettere, del tutto irrazionalmente, proprio quei film che, per ovvie ragioni economiche, commerciali, di buon senso insomma, non sono stati proiettati durante l’inverno.
No scusa, ma sei da ricovero! Ma se statisticamente tutte le città di quella nazione, carine, di piccola taglia, che si affacciano su di un bel fiume azzurro, dico tutte le città così, quei film lì non li fanno d’inverno!E tu cosa fai? Tu me li vuoi mettere in programmazione d’estate? D’estate, ribadisco, quando al cinema la gente non ci va nemmeno per un horror o per una commedia che ti mostra, o promette di mostrarti, un pezzo di capezzolo in più di quello che ti ha fatto intravedere in tv tutte le sere…
 
Va bene. Facciamoci del male allora. Mostriamo d’estate, all’aperto, in un clima afoso, caldo umido e zanzaroso, tutti quei film che d’inverno, quando entrare in una sala riscaldata farebbe pure piacere, la gente non ha voluto vedere. Ma che dico? Non ha proprio preso in considerazione di vedere.
Lo facciamo almeno gratis? No. Facciamolo a pagamento, ma poi, quando la gente ha fatto la sua scelta, è uscita di casa e, paziente e fiduciosa, sotto il morso impietoso delle femmine più crudeli, dopo quelle di razza umana, attende di pagare il suo ingresso per sedersi davanti alla schermo… l’ultima beffa: informiamoli, gentilmente ma fermamente, che i posti sono esauriti, che, di pazzi come loro il cortile è già pieno e che, se lo vorranno, potranno riprovarci l’indomani. Chissà, magari saranno più fortunati.
 
 Informazioni 
 

Roberto Figazzolo

Pavia, 03/07/2009 (7959)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool