Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 31 maggio 2020 (1169) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Macadam: Latitudine incrociate
» Fabrizio Poggi & Chicken Mambo: Spaghetti Juke Joint
» Nat Soul Band: Not so bad
» Far Out
» Ho sbagliato secolo
» Blues, Blues e ancora Blues
» Shag’s Airport
» Accordiamoci
» Il leone nell’Arena
» Francesco Garolfi: Un posto nel mondo
» Alberto Tava: il nuovo disco Mediterraneo
» Il matrimonio che vorrei: da oggi a Pavia
» Reality: ma quando ANCHE a Pavia?
» Magic Mike: quando è lui a spogliarsi...
» Il rosso e il blu: scuola italiana...
» I Beach Boys in Italia: c’ero anch’io!
» Giorgia, che sorpresa!
» Il ritorno dell'uomo armonica
» Wanna Be Startin’ Somethin’. Thriller rivisitato
» Un disco tutto pavese per Woody Guthrie

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 8503 del 18 febbraio 2010 (2096) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Elisa Rovida - Rinascimento
La copertina del cd
Alcuni di voi avranno avuto modo di ascoltarla nei due concerti che questa artista bresciana ha tenuto a Pavia.
Elisa Rovida ha seguito stage internazionali con Donna Mc.Roy della Berklee School of Boston, Set Riggs, Maria Pia de Vito; nel luglio 2002 ha ricevuto un premio come migliore musicista alla Berklee in Perugia Umbria jazz e, tra le curiosità, ha cantato per il matrimonio di Tom Cruise e Katie Holmes al Castello Odescalchi di Bracciano.
Nel 2008-2009 ha creato il Progetto “Virgo”, Progetto Mariano in musica e poesia con
selezioni di brani mariani di compositori del ‘900 accompagnati da un ensemble di musicisti classici che ha debuttato a Lourdes nella Sala dell’Emiciclo il 1° maggio 2008 per l’apertura ufficiale Mese Mariano nel 150° dell’apparizione di Maria.
Nel 2009-2010 “My Burt Bacharach” con una selezione di brani del grande compositore Americano rivisitati con nuovi arrangiamenti accompagnati da un ensemble di 8 elementi.
Nel 2009-2010 “Forever Mina”, tributo alla più grande voce Italiana di sempre.
 
Non mi piace fare paragoni, ma capisco che per i lettori possa essere più facile avere una traccia: diciamo che potrebbe stare nello spazio che ha come estremi Rossana Casale e Malika Ayane ma, come ambito, più vicina a personaggi come Laura Fedele e Cristina Donà.
 
La sua scelta vincente è stata quella di abbinare la vocalità jazzistica alla canzone d’autore, scegliendo la collaborazione (per questo album) con Beppe Donadio, bravissimo e raffinato cantautore bresciano (che abbiamo apprezzato lo scorso anno in Fare Festival), così accorto nel miscelare la popolarità della canzone italiana con i modi del songwriting internazionale.
 
Quello che ne esce è “Rinascimento”, un album non certo banale (il suo primo di inediti), che si colloca un po’ al di fuori dai canoni correnti della discografia italiana (e meno male!), scritto, suonato e cantato con enorme gusto e una musicalità ricercata; dietro alle linee guida di stampo jazz, affiora a volte un’ombra brasiliana nello scivolare tra una strofa e l’altra, con un’indolente sovversione delle scansioni preordinate.
 
Se la prima traccia dell’album, Rinascimento, è uno scattante swing con ritmi alternati che ne rivela la tecnica vocale, sono i brani più lenti (come Oltre i miei limiti o Fino in Fondo), le ballate intense in cui ad accompagnare la voce di Elisa ci sono solo contrabbasso, batteria, pianoforte e un “tappeto” di organo Hammond, a dimostrare le capacità interpretativa di questa cantante.
Perché, con così poco sotto, o si canta… o si canta!
 
Tra i musicisti che l’accompagnano in questa avventura c’è anche un pavese: Andres Villani al sax e al flauto.
Gli altri sono Filippo Pedol al contrabbasso, Andrea Melani alla batteria e Alessandro Galati, pianista e arrangiatore dell'intero album.
Chiude l’album l’attore Sergio Isonni, che interpreta "Anima della luce", uno scritto di Alda Merini (1931-2009), concesso in esclusiva ad Elisa Rovida poco prima della morte.
 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 18/02/2010 (8503)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool