Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 28 maggio 2020 (999) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Vittadini Jazz Festival 2019
» l'EX|ART Film Festival
» Maggio in musica
» Da settembre la nuova stagione del Cirro
» Da Mozart a Glenn Miller
» Nkem Favour Blues Band
» Altissima Luce
» Ultrapadum 2016
» Serenata Kv 375
» 4 Cortili in Musica
» Maggio in musica
» Con Affetto
» Mirra-Mitelli chiudono Dialoghi
» La Risonanza a Pavia Barocca
» Dialoghi: Guidi-Maniscalco
» Sguardi Puri
» Le piratesse della Jugar aprono Piccoli Argini
» Il cinema è servito!
» Ultrapadum agostano

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 898 del 14 marzo 2003 (1981) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Jazz targato Francia
Jazz targato Francia

Giovedì 13 Marzo, a Santa Maria Gualtieri (in piazza della Vittoria, a Pavia) si è tenuto il secondo concerto della rassegna Dialoghi: Jazz per due curata da Roberto Valentino per conto del Settore Cultura del Comune di Pavia.

Sul palco, questa volta, una coppia tutta francese: Serge Lazarevitch e Joel Allouche per un dialogo musicale tra chitarra e batteria. Anche loro, come tutti quelli che entrano per la prima volta in Santa Maria Gualtieri, sono rimasti affascinati dal luogo e dall'acustica quando, nel pomeriggio, hanno compiuto le prove di suono.

Lazarevitch

E' inevitabile che queste forti sensazioni finiscano poi per influenzare i modi e le emozioni del concerto; e così è stato.

Benchè in alcuni momenti i due si lasciassero prendere dal ritmo e dal vortice dell'improvvisazione, spesso hanno finito col ricercare atmosfere e sonorità che permettessero loro di sfuttare al massimo le potenzialità del luogo.

Allouche

Lazarevitch creava "loop" lievi ed eterei su cui imbastire i suoi ricami e Allouche, più che le bacchette o le spazzole, usava le mani e le dita per ricercare tutte le possibili timbriche della batteria aiutandosi anche con una serie di piccole percussioni.

Musicista di gran gusto (oltre che di notevole tecnica) Allouche è quello che dei due mi ha più impressionato.

In generale, devo dire che i due musicisti si sono dimostrati notevoli ma non mi hanno convinto del tutto nei loro "dialoghi" che, specialmente nei brani più ritmati, mi sono apparsi più come dei "monologhi". Molto meglio i brani lenti e rarefatti in cui la ricerca della creazione di atmosfere e suggestioni li vedeva lavorare meglio in "tandem".

Sono stati eseguiti arrangiamenti di brani di Jim Hall, Bill Frisell, Cole Porter, Monk, Ornette Coleman e, come Bis, una delle più conosciute ninnenanne francesi: Au Clair De La Lune.

In complesso, un bel concerto, molto apprezzato dal numeroso pubblico presente.

 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 14/03/2003 (898)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool