Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 27 ottobre 2021 (161) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» L'altro Leonardo
» Oltrepò Pavese. L'Appennino Lombardo
» Napoleone anche a Pavia
» Marco Bianchi e "La cucina delle mie emozioni"
» Semplicemente Sacher
» Oltrepò infinitamente grande, infinitamente piccolo, infinitamente complesso
» Un nodo al fazzoletto
» Vigevano tra cronache e memorie
» Il Futuro dell’Immagine
» "Sorella Morte. La dignità del vivere e del morire”
» L' Eredità di Corrado Stajano
» Il pentagramma relazionale
» Ghislieri 450. Un laboratorio d’ Intelligenze
» Progettare gli spazi del sapere: il caso Ghislieri
» La Viola dei venti
» Solo noi. Storia sentimentale e partigiana della Juventus
» L'estate non perdona
» Il manoscritto di Dante
» Per una guida letteraria della provincia di Pavia
» A Londra con mia figlia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Carnevale al Museo della Storia
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Squali, predatori perfetti"
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» La Storia organaria di Pavia
» Postazione 23
» Libri al Fraccaro
» Il "Duchetto" di Pavia
» La cospirazione dei tarli
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 9386 del 17 gennaio 2011 (2538) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Il mistero dell’ermellino
Il mistero dell’ermellino
Il mistero dell’ermellino (Ed. Albatros) è il libro scritto da Giuse Iannello, impiegata di Vigevano che nel tempo libero si dedica all’arte figurativa e alla scrittura.
Si tratta di un romanzo che si svolge su due livelli temporali: il presente rappresentato da una festa di coscritti, il passato che si dipana attraverso i ricordi della protagonista. Questi due livelli si intersecano e si alternano.
Il libro è diviso in tanti capitoli quante sono le portate della cena di anniversario: l’aperitivo, l’antipasto, il primo, ecc..
Tutti i riferimenti storici sono rigorosamente documentati. Ogni cosa è del tutto vera o verosimile… ma il resto è scrupolosamente inventato.
 
Quasi tutta la vicenda è ambientata a Vigevano, città natale di Ludovico Sforza e del personaggio principale del libro, Marisa Colli.
Durante la cena dei festeggiamenti per il cinquantesimo compleanno della classe ‘54 che si svolge nel Castello Sforzesco la protagonista ricorda la sua vita, dall’infanzia agli anni giovanili che segneranno anche l’inizio della sua attività di scrittrice e ricercatrice per una sequenza di strane e fortunate coincidenze… che forse tali non sono.
In seguito al ritrovamento di due pergamene risalenti al sedicesimo secolo, si era trovata a indagare, insieme al nuovo datore di lavoro Camillo Bardogli, sulla scomparsa del cadavere di Ludovico il Moro, di cui dal punto di vista storico a tutt’oggi non si hanno notizie.
 
Una relazione inquietante, invisibile ma tenace, sembra legare la vita della protagonista alla passata esistenza dei personaggi storici della corte sforzesca. 
Marisa Colli nutre da sempre una grande passione per Leonardo, attribuendo grande importanza all’influenza della sua presenza a Vigevano accanto al Moro.
Istintivamente si identifica in Cecilia Gallerani, amante di Ludovico Sforza, ritratta proprio dal genio nella “Dama con l’ermellino” e a un certo punto della narrazione si scoprirà che potrebbe addirittura avere un legame di sangue con la Gallerani….
… Dopo numerosi colpi di scena si troverà effettivamente un cadavere in un luogo storico della città di Vigevano legato a Ludovico Sforza. Ma si tratta effettivamente dei resti mortali del duca, come tutto lascia intendere, oppure del frate domenicano che ha scritto le pergamene ritrovate?
 
Il libro verrà presentato questo venerdì sera in occasione dell’iniziativa “A tavola con l'autrice”, una cena con menù ispirato alle portate della cena raccontata nel libro accompagnata da letture tratte dal romanzo stesso e dalla recitazione di Eleonora Cattaneo dell’Associazione culturale Il Mosaico.
 
 Informazioni 
Dove: via Merula, 39 c/o il Ristorante Torre –Vigevano
Quando: venerdì 21 gennaio 2011, ore 20.30
Partecipazione: costo della cena 25,00 euro a persona
Per informazioni e prenotazioni: tel. 0381/83027
 

La Redazione

Pavia, 17/01/2011 (9386)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool