Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 27 settembre 2020 (997) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Squali, predatori perfetti"
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Oltre lo sguardo
» Looking for Monna Lisa
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Carnevale al Museo della Storia
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Squali, predatori perfetti"
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» La Storia organaria di Pavia
» Postazione 23
» Libri al Fraccaro
» Il "Duchetto" di Pavia
» La cospirazione dei tarli
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 9420 del 27 gennaio 2011 (2125) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Matite per la Memoria, 7^ ed.
Matite per la Memoria, 7^ ed.
In occasione delle celebrazioni della Giornata della Memoria l’assessorato ai Beni e alle Attività Culturali della Provincia di Pavia ha organizzato, presso l’Istituto Superiore Cairoli di Pavia,
 la settima edizione della mostra “Matite per la Memoria”.
 
La Provincia di Pavia, da molti anni, promuove iniziative culturali che hanno l’obiettivo di favorire la trasmissione del ricordo degli anni bui della Shoah e di aiutare le nuove generazioni a riflettere sul nazismo – commenta Marco Facchinotti, Vice Presidente della Provincia di Pavia e Assessore ai Beni e alle Attività Culturali –. Numerose sono state in questi anni le iniziative, tra cui molte rivolte ai ragazzi e al mondo della scuola”.
 
La mostra si compone di dieci pannelli il cui filo conduttore sono i numeri. 760: i giorni passati da Anna Frank nell’alloggio segreto; 174.517: il numero di Primo Levi; 27: i giorni dell’insurrezione del ghetto di Varsavia; 33,1: la percentuale di votanti che scelse il Partito Nazionalsocialista alle elezioni del 1932 in Germania e 43,9 la percentuale di votanti alle elezioni del 1933; 723822: il numero di telefono di Mauthausen; 1015: le pagine con poesie e disegni prodotte dai ragazzi di Terezin.
 
È necessario prendere coscienza – conclude Antonio Sacchiche questo aberrante fenomeno di genocidio non fu il prodotto di una folla omicida, ma il risultato di un processo di trasformazione violenta della società tedesca”.
 
 Informazioni 
Dove: Istituto Superiore Cairoli, corso Mazzini, 7 - Pavia.
Quando: dal 27 gennaio (inaugurazione ore 12.30) al 25 febbraio 2011, aperta dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 17.30; sabato, dalle 9.00 alle 12.30
 
 
Pavia, 27/01/2011 (9420)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool