Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 16 gennaio 2019 (348) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Voice of the voiceless Racconti forografici di Andy Rocchelli
» Diamo i numeri
» Raoul Iacometti. Alcuni di noi
» La Torre di Babele. Libri, dipinti, disegni
» P.A.T. – Pavia Art Talent
» Mater - Parole e immagini sulla maternità
» Mostra dei Plumcake
» Ci siamo! Sguardi sull'identità giovanile
» "Hors d'Oeuvre"Assaggi di opere ed artisti dalla Permanente di Milano
» Uliano Lucas. La vita e nient'altro
» L’eccezione del blu/ frammenti di William Xerra
» Mino Milani: una città, la guerra, la giovinezza
» Incontri d’Arte: Sergio Alberti
» Il Morbo di Violetta: Carlo Forlanini e la prima vittoria sulla tubercolosi
» All you need is rock
» "Batticuore", la mostra di Antonio Pronostico
» Elliott Erwitt. Icons
» Maugeri In Arte. Mostra di Vittorio Valente
» Il colore del silenzio
» We are here - Caroline Gavazzi

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Laboratorio di calligrafia
» Inciampare per Ricordare
» Corso di Fotografia Digitale
» Voice of the voiceless Racconti forografici di Andy Rocchelli
» 515 storie con Fabrizio De André
» Diamo i numeri
» Raoul Iacometti. Alcuni di noi
» Booktrailer Contest
» Oltrepò Pavese. L'Appennino Lombardo
» A tu per tu con Massimo Tammaro
» La Torre di Babele. Libri, dipinti, disegni
» Conversazione pavese con Jole Garuti
» «e così spero di te»
» All'origine delle guide turistiche
» Mino Milani - Di stelle e di Misteri
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 9537 del 7 marzo 2011 (4167) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
L'arte della velocità
L'arte della velocità
A partire dal prossimo sabato, Graal Spazio Arte ospiterà l’esposizione intitolata “L’arte della velocità: motori tra mito e storia”, dedicata al mondo della motocicletta e dell’automobile, ai suoi protagonisti, alla storia dei motori, alle grandi icone del passato e alla passione del presente.
 
La mostra vede esporre 24 artisti italiani chiamati a misurarsi con il tema della velocità, il cui simbolo è rappresentato da automobili e motociclette.
L’uomo ha sempre avuto un’attrazione fatale per la velocità, ma forse mai come nel ‘900 è entrata a far parte della vita di tutti i giorni. Tutto è cominciato intorno al 1910 con il Futurismo, movimento culturale eversivo, dissacrante. I suoi esponenti dichiaravano una rottura con il passato ed esaltavano la civiltà urbana, la macchina e il movimento: i pittori per rappresentare questa realtà scomponevano, frantumavano le forme, le deformavano, creavano vortici di colore e luce.
Il tema della velocità si pone al centro di questa suggestiva esposizione e viene declinato in tutte le sue forme dalla pittura alla fotografia.
 
Graal Spazio Arte si avvicina così al filone della cosiddetta motoring art, ovvero la rappresentazione artistica di tutti i soggetti legati al mondo del motorismo, tendenza diffusa nelle gallerie internazionali da molto tempo che vede impegnati artisti di altissimo livello. Punto d’incontro fra la passione per i motori e quella per l’arte, la motoring art è ancora poco conosciuta in Italia, ma vanta una lunga tradizione nei Paesi anglosassoni.
Questo filone raccoglie le opere — prevalentemente pittoriche — che hanno come soggetto i motori ed il mondo che li circonda.
 
Le opere d’arte presentate nel percorso espositivo parlano di macchine, di moto, di competizioni — quelle storiche e quelle amatoriali — di esibizioni e gare, ma anche di prototipi, e poi ancora di sogni.
La mostra è, infatti, dedicata al fascino del mito, alle emozioni e all’adrenalina che da sempre accompagnano l’uomo che si confronta con la velocità. Auto e moto diventano i protagonisti di un evento artistico e cessano di essere semplici mezzi di trasporto, ma strumenti per interpretare il mondo con sensibilità e coinvolgimento emotivo e passionale.
Gli oggetti di culto esposti in questa mostra, oltre ad avere uno stile e un fascino inconfondibile, portano con sé il calore umano trasfuso da chi li ha fatti vibrare e l’emozione del tempo trascorso.
 
Espongono: Andrea Achilli, Massimo Beretta, Salvatore Bonfiglio, Stefano Bressani, Nadia Buroni, Athos Collura, Walter Corsini, Sonia Fiacchini, Franco Fraschini, Cristina Gandini, Silvia Garzena, Paola Geranio, Andrea Gnocchi, Alberto Imberti, Oscar Morosini, Luciano Mortula, Antonio Pagani, Simone Piovan, Dario Prestini, Ivan Saccomani, Maurizio Sani, Ivo Vecchio, Alessandra Ubezio, Renato Verzaro.
 
 Informazioni 
Dove: Corso Garibaldi, 28, c/o Graal Spazio Arte - Pavia
Quando: da sabato 12 marzo (inaugurazione alle 18.00) al 1 aprile 2011
Per informazioni: tel. 0382/060330, e-mail: info@graalspazioarte.org

 
 
Pavia, 07/03/2011 (9537)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool