Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 5 agosto 2020 (901) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Torna a Pavia il Mercatino del Ri-Uso
» Mercatino del Ri-Uso a Borgarello
» Mercatino del Ri-Uso – Nuova Vita alle Cose
» Mercatino del Ri-Uso Nuova Vita Alle Cose
» Mercatino del Ri-Uso
» Mercatino del Ri-Uso
» Mercatino del Ri-Uso by night
» Mercatino del Ri-Uso
» Mercatino del riuso
» Mercatino di Natale
» Vetrina MEC per il ritorno in città!
» Mercatino del Ri-Uso-Nuova Vita alle Cose
» Mercatino del Ri-Uso-Nuova Vita alle Cose
» Mercatino del Riuso
» Mec pasquale
» Tra sacro e gastronomico...
» Andar per mercatini... di Natale
» Boutiques a cielo aperto da Forte dei Marmi
» Ritorna il “Mercatino del riuso”
» Il Mercatino del Riuso Nuova Vita alle Cose

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Apre in Varzi Bottega Oltrepò
» BirrArt 2019
» Birrifici in Borgo
» Musei divini
» "Dilecta Papia, civitas imperialis"
» Cioccovillage
» Birre Vive sotto la Torre Chrismas Edition
» Il buon cibo parla sano
» Zuppa alla Pavese 2.0
» Autunno Pavese: tante novità
» 18^ edizione Salami d’Autore
» Sagra della cipolla bionda
» Pop al top - terza tappa
» Sagra della ciliegia
» Birre Vive Sotto la Torre
 
Pagina inziale » Tavola » Articolo n. 9703 del 27 aprile 2011 (2977) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Sapori da provare a Vigevano
Sapori da provare a Vigevano
Il Mercatino dei Sapori e delle Tradizioni, appuntamento ormai consolidato nella programmazione delle manifestazioni della Città di Vigevano, è una manifestazione enogastronomica che presenta al pubblico le migliori produzioni della tradizione regionale italiana.
Quello in calendario per il prossimo fine settimana è un incontro interamente dedicato alla passione per i prodotti tradizionali di qualità in una suggestiva cornice tra storia, cultura e tradizione.
 
Circa 30 espositori accompagneranno i visitatori in un viaggio affascinante tra i percorsi del gusto e della qualità, prodotti enogastronomici opportunamente selezionati al fine di garantire un'ampia offerta di prelibatezze tutte da scoprire e da provare: per le vie del centro storico cittadini, turisti, istituzioni o semplici appassionati sono invitati a coltivare la passione per il cibo sano e di alta qualità.
 
Prodotto del mese sarà la Mortadella di Prato. In Toscana la mortadella nasce dall’esigenza di usare al meglio le carni scartate nella preparazione dei salami e i tagli suini di seconda scelta. Così, agli inizi del Novecento, a Prato e in alcune zone della provincia di Pistoia, si inizia a insaccare queste carni, a conciarle con spezie e liquori e a cuocerle in acqua. Nel dopoguerra questa produzione sparisce, sino a che, una trentina di anni fa, una salumeria di Prato riprende la produzione. Ovviamente non è più necessario caricare la mortadella di spezie e di aromi potenti: la carne è scelta con cura e il consumatore moderno non gradisce aromi troppo invasivi.
 
La mortadella può avere varie forme, più vicine al salame o alla mortadella classica (dipende dal produttore), e il peso è quasi sempre di un chilogrammo (anche se esistono varianti che vanno dai 300, 400 grammi fino ai due chilogrammi e mezzo).
Strana famiglia quella dei salumi cotti. Se li si gusta appena estratti dalla pentola o dal forno sono eccellenti, ma se li si fa riscaldare una volta freddi perdono gran parte del loro gusto. Dunque non fatevi tentare dall’idea di riscaldare cotechini, mortadelle, salami, prosciutti cotti, fegatelli: o avete la fortuna di arrivare in negozio al momento giusto, quando sono ancora bollenti di cottura, oppure mangiateli freddi. Mai di frigorifero, ovviamente, ma a temperatura ambiente.
La mortadella di Prato è perfetta se gustata con i fichi, preferibilmente di varietà Dottato (di Carmignano), e con la “bozza” pratese, un pane locale.
La mortadella di Prato di oggi è un salume cotto raffinato, che si presenta con una particolare coloritura rosata tendente all’opaco – dovuta all’aggiunta di liquore (alchermes) nell’impasto – e che sprigiona suggestivi profumi esotici di spezie.
 
L’evento, voluto dal Comune di Vigevano - che coorganizza e patrocina l’iniziativa -, gode del Patrocinio di ERSAF Lombardia ed è ideato da Totem Eventi in sinergia con Associazione Nazionale La Compagnia dei Sapori.
 
 Informazioni 
Dove: Corso Vittorio Emanuele II e Via Cesare Battisti - Vigevano
Quando: 30 aprile e 1 maggio 2011

 

Comunicato Stampa

Pavia, 27/04/2011 (9703)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool