Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 26 ottobre 2021 (248) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Squali, predatori perfetti"
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Oltre lo sguardo
» Looking for Monna Lisa
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Lectio magistralis di Vittorio Sgarbi
» Scienziati in prova
» Notte dei Ricercatori - Settimana della Scienza
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Porte Aperte
» Giornata del Laureato
» Bloomsday
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Pila di Volta
» Paolo Gentiloni, Roberto Maroni e Ferruccio de Bortoli a Pavia
» Viaggio nel lato oscuro dell'universo
» Scienziati in Prova
» SHARPER: il volto umano della ricerca
» Fiera delle Organizzazioni Non Governative e della Società Civile
» Giornata del Laureato
 
Pagina inziale » Università » Articolo n. 9876 del 20 giugno 2011 (2954) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Il meccanismo di Antikythera
Il meccanismo di Antikythera
Realizzata dal “Programma per la Storia, Filosofia e Didattica della Scienza e della Tecnologia” dell’Istituto per la Ricerca Neoellenica della Fondazione Nazionale di Ricerca Neoellenica nell’ambito del progetto europeo “Hephaestus”, la mostra  “Il meccanismo di Antikythera” - a cura di Efthymios Nicolaidis, National Hellenic Research Foundation e di Fabio Bevilacqua, Università degli Studi di Pavia, per l’edizione italiana - vuole proporre al pubblico il racconto di una scoperta – quella dei numerosi frammenti di un oggetto antico, restituito dalle profondità marine di un’isoletta greca, Antikythera – di uno studio durato quasi un secolo – quello del significato dei frammenti dell’oggetto ritrovato – dell’attribuzione di un significato – computer astronomico o calendario astronomico.
 
Attraverso una serie di pannelli e con l’ausilio di due video il visitatore percorrerà le tappe del ritrovamento in mare, da parte di pescatori di spugne, del Meccanismo, della sua consegna al Museo Archeologico di Atene, in attesa di una sua “definizione”, degli studi condotti a più riprese dagli esperti, corredati nell’ultimo decennio da modernissime indagini realizzate con la tecnica della tomografia per imaging.
 
L’esposizione, che ruota appunto attorno al modello del Meccanismo di Antikythera, pone una serie di quesiti sulla vera natura dell’oggetto: anzitutto che cos’è e cosa rappresenta, cos’è un “computer astronomico” e perché viene definito “calcolatrice astronomica”.
 
Ci si interroga poi su il chi e il perché è stato studiato il “meccanismo” e su come si sia passati dalla definizione di “strana macchina di bronzo” ad “astrolabio”, a “planetario” per giungere dopo gli anni ‘70 alla definizione di “dispositivo meccanico di calcolo”.
 
La parte più affascinante della mostra riguarda, però, la “spiegazione” del meccanismo: come funziona, che cosa era in grado di dire o meglio predire e infine da chi è stato costruito.
 
Dotato di una sorta di “manuale di istruzioni” inciso sulle diverse parti che lo compongono, il Meccanismo, opportunamente “programmato” era in grado di predire le eclissi di sole e di luna e di verificare la posizione del sole, della luna e probabilmente anche di Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno sullo zodiaco.
 
L’aspetto che lo rende però straordinario è la capacità di mostrare il movimento variabile della Luna, realizzato attraverso una successione straordinaria di ingranaggi epicicloidali.
 
La mostra saràinaugurata mercoledì pomeriggio con alcune presentazioni sul tema Cosmologie antiche e recenti.
 
Efthymios Nicolaidis, ricercatore dell’Institute for Neohellenic Research della National Hellenic Research Foundation, curatore dell’edizione originale della mostra e segretario generale della DHST- IUHPS (Division of History of Science and Technology, International Union of the History and Philosophy of Science), illustrerà “The Antikythera Mechanism”.
Lucio Fregonese, professore di Storia della Fisica - Dipartimento di Fisica “A.Volta”- Università di Pavia parlerà su: “Dungal maestro irlandese a Pavia: Cosmologia, eclissi e diagrammi astronomici all’inizio del IX secolo”.
Bruno Bertotti, professore emerito di Fisica Teorica - Dipartimento di Fisica Nucleare e Teorica- Università di Pavia discuterà “La storia dell’universo nella cosmologia del Big Bang”.
 
 Informazioni 
Dove: Santa Maria Gualtieri, Piazza della Vittoria - Pavia
Quando: dal 22 (inaugurazione alle 17.00) al 28 giugno 2011. Orario: feriale 9.00-12.00 / 15.30-19.30, festivo: 10.00-13.00 / 16.00-20.00
Ingresso: gratuito
 
 
Pavia, 20/06/2011 (9876)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool